Lo sterminio dei più deboli

Ricordo quel ragazzo a Venezia che lentamente affonda e la gente dalla banchina e dal vaporetto che gli urla “Africa, dai Africa”, che ride e che non si butta a salvarlo. Ricordo quel ragazzo a Lavagna, che lentamente vola dal balcone, mentre dentro la madre e la finanza dissertano sui suoi dieci grammi di hashish ed il suo funerale, con i ringraziamenti al corpo dell’arma.

Ricordo un mondo, un universo lontano, in cui gli esseri umani sono una trama smagliata, un orribile accumulo di orrori, soprattutto al di dentro. Orrori che vengono esaltati, perfino elogiati, orrori come; parole:

madre coraggio / dai Africa / questo è scemo! / la sua prima madre lo aspetta in paradiso

Orrori che mi lasciano inquieto, adombrato, che in qualche modo mi sento anch’io responsabile di queste morti, di questa enorme ingiustizia che schiaccia e violenta il fiore degli anni. Orrore per questa narrazione dominante così invadente, così avvilente, così capace di soffocare, ché la colpa è della droga, per esempio.

Un orrore che mi rimane,

un orrore a suppurare,

che mi sbuca dalle mani,

che non so come affrontare,

recidere,

lenire

che forse parlarne, scrivere,

ma nemmeno quello.

Un orrore che fa di questo tempo un tempo oscuro, nazista, vigliacco.

Il tempo dello sterminio dei più deboli.

phpxxthumb_generated_thumbnailjpg

Giulio

Non farne una tragedia

geneve-7-11-decembre-2011-012Una singola vita infelice
una
sola, che vuoi che sia,
una vita
pancia lacrime urla
di donna
viva ma
come gettata contro
in mezzo a chiedere
Perché?
Per quanto ancora?

Foto: Ginevra 2011

La caduta

Seduta sul divano mi guardi
con occhi dal passo incerto,
incespicanti,
chiedi
Sono caduta come cadono i vecchi,
sono vecchia?
Domandi e affermi,
cercando di colmare
quel tratto di futuro sdrucciolevole:
spazio vuoto, gradino, inciampo

Conversazioni

A questo dolore

Hoi An 2016Pensavo di aver finito, con te.

Ci siamo detti tanto, non era
tutto?
Quanto spazio ancora
quante notti?
Ah, dici,
sono io
che ti tormento?
Ma guarda!
Se appena gratto
subito trovo
te: arrabbiato come prima.

Non voglio
Non voglio

Devo.
E’ successo
è stato
più preciso che possibile
– e io c’ero.

Foto: Hoi An (Vietnam) 2016

Un povero come tanti

Milano, 8 di mattina, sul tram si sale e si scende solo sgomitando.
Un uomo senza gambe striscia in mezzo alla gente, con un barattolo in mano: qualche moneta già dentro, ne chiede altre.

“No! Vattene!” – una signora si infastidisce
“Ma io sono povero…”
“Poveri ce ne sono tanti… Non mi devi toccare!”.

Di uno strano viaggiatore

12670655_1038628926210086_3934672286888792427_n

Se potessi, partirei senza assentarmi

saluterei chi rimane e chi raggiungo.

Respirando l’aria dei moli dal mio letto

le grida dei gabbiani e delle grù

miste al dolce ticchettio della mia sveglia

sarei dove non sono o potrei essere.

 

Partirei per terre selvagge e misteriose

lasciando un biglietto di commiato

che troverei io stesso, l’indomani

appuntato nel frigo con magnete.

 

Leggerei quelle parole di abbandono

e verserei una lacrima di addio

a quel gesto da poeta superato

appoggiato alla spalla consolatrice

del me stesso che è rimasto..