La difesa della cipolla

Tra le molte metafore con le quali si rappresentano il rapporto tra cultura e identità, e la definizione delle stesse, c’è quella della cipolla. La cultura è così vista come qualcosa di stratificato, che va dagli strati più esterni (struttura, oggettivazione) via via verso il nucleo, che racchiude l’individuo nella sua individualità fatta di diverse cose quali i valori per come sono interiorizzati e agiti, le attitudini, l’educazione rielaborata nel quotidiano dell’interazione, e via dicendo. Un’altra metafora è quella dell’iceberg, che fa propria l’indicazione secondo la quale di un iceberg noi vediamo solo la parte emersa, ossia circa il venti per cento. Questo quinto è struttura, oggettivazione, cose culturalmente prodotte, mentre la parte sommersa è il nucleo della cipolla. Insomma, la cultura è una cipolla surgelata. Qui parliamo di intercultura: nell’incontro fra due iceberg, se la parte sommersa è troppo forte, troppo sommersa, lo scontro può avere un esito tragico, tipo che ci si cappotta. O si sa di cipolla. Comunque, riflettevo oggi per le vie michelangiolesche e leonardesche e brunellesche che quando ci si sposta dal luogo geografico cui la propria cultura appartiene, viene quasi istintivo difendere il nucleo e tutti gli strati più vicini, caricando o affermando alcune diversità, o meglio peculiarità della propria identità culturale. Così io mi ritrovo a Firenze a dire un fracco per dire “un sacco”, a intercalare con stica o ad aprire le “e” a dismisura. Il dibattito è aperto.

Gianmarco

Annunci

2 pensieri su “La difesa della cipolla

  1. Il titolo di questo post è fantastico! 🙂

    Secondo me abbiamo la tendenza a difendere la nostra cipolla o il nostro iceberg quando ci confrontiamo con altri tipi di cipolle o iceberg perché ci sentiamo minacciati e abbiamo bisogno di rassicurazioni. Una parte di noi si identifica con la nostra cultura di provenienza, quella in cui siamo cresciuti. E difendiamo le nostre origini, da dove veniamo così come (a volte!) difendiamo d’istinto i nostri genitori da critiche di estranei, anche se condividiamo quelle critiche.
    Essere consapevoli di questi meccanismi è il primo passo per prenderne le distanze.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...