4 pensieri riguardo “Il dialogo e l’ascolto

  1. Come te Giacomo e come ne abbiamo parlato insieme penso che il Vero Ascolto non viva di preconcetti, ma di un “vuoto che accoglie”. Quindi esista in virtù di un desiderio, di un tentativo di lasciarci Toccare da chi ci è vicino, in Quel Momento, al di là, persino, del valore intrinsecamente limitato del significato delle parole. Già. Perchè sono assolutamente convinto che due sordi muti possano dialogare tra loro fino a commuoversi ed il loro terreno d’incontro potrebbe essere stato un semplice Sguardo.
    Ma,ma,ma quando si è in un certo stato negativo.. potrebbero non bastare gli sguardi, l’ascolto, il condividere il momento nella sua semplicità, è come se ci fosse bisogno di qualcos’altro…
    Di approdare in un sistema razionale i cui pezzi combaciano perfettamente.
    Ci si vuole sentire al sicuro nelle proprie convinzioni.
    Si ha il terrore di un’alternativa.
    E perciò chi ci è vicino deve riconoscere che abbiamo ragione costi quel che costi, altrimenti vuol dire che non ci sta ascolando, che non capisce un panno, e che non ci è veramente vicino in quel momento. Questo è un gioco della mente pilotato da un’Emozione Potente che ne sta alla base: la paura.
    Quando mi sento confuso cerco conforto in una carezza, perchè lei non sa nulla, ma è Calda. Calda come può esserlo il silenzio, come può esserlo il tono di voce, un abbraccio etc. etc. ED UN RICONOSCIMENTO SUL PIANO RAZIONALE non avrebbe molto senso perchè non è ciò che sto veramente cercando…
    Le cose più importanti si riconoscono con gli Occhi del Cuore.
    Ma una cella identificativa pesante può nascondere molte cose a questi preziosi occhi. Per un pò…
    Perchè si sa no? Alla notte segue il giorno…
    E se nella notte si incontrano fantasmi che si cibano delle nostre paure e delle nostre convinzioni, bisogna avere il coraggio di dimenticarsi di se stessi in quanto idee sulla realtà ed attendere con Pazienza, che spunti il Sole all’orizzonte che mostri nell’immediato l’inconsistenza di tutti i dubbi che sono nati nel periodo precedente.
    Ti sono vicino, Fil

  2. Hai fatto una bella riflessione Giacomo: posso aggiungere che, a mio parere, ascoltare significa anche avere la “voglia” di immedesimarsi nell’altro e oltre all’ascolto delle parole è di fondamentale importanza entrare in contatto tramite l’osservazione di altri dettagli non meno importanti, come la postura il tono della voce, l’espressione degli occhi etc… Le parole hanno la loro importanza, ma fra tutte sono le meno veritiere nel mostrare la “condizione” reale di un individuo. 🙂

  3. Grazie, Giacomo. Bella riflessione. Per provare ad ascoltare davvero il primo passo mi pare consista nel prendersi tutto il tempo necessario, è ovvio che se siamo sempre di corsa non ascolteremo mai davvero.

    1. Esattamente questo. Tempo e voglia di provare ancora a raggiungere il contatto senza mai usare scusa alcuna, per fingere di aver capito o per fingere che non sia importante. Anche il dire: “a parole non ti capisco ma i nostri cuori si parlano”, per me è una scusa perchè non si ha tempo da dedicare all’Ascolto.
      Perchè Ascoltare è difficile, richiede tempo, energie, grande sforzo mentale, intensa focalizzazione sulle parole dell’altro, capacità di non pensare durante l’ascolto ma di fare spazio.
      Studiare un complicatissimo concetto di meccanica quantistica può risultare davvero semplice a confronto di un vero ascolto.
      E mi fa ridere accorgermi di non aver mai dato ascolto in questo senso a chi mi stava intorno. Oggi che realizzo questo mio difetto mi accorgo anche del contrario e di quanto sia raro essere ascoltati davvero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...