Ocean crush

Mi sono aperto all’acqua e ad essa poi fuso, oceano sublime, mio compagno di vita e di viaggio.

Erano le 5 e cominciava ad imbrunire in questo inverno alle porte, il cielo azzurro cristallo sfumava nel prussia nel grigio e poi nel viola prima di tuffarsi all’orizzonte nell’acqua, scura che si scioglieva poi in chiazze blu notte che ringiovanivano fino all’azzurro vicino ai miei piedi. La tempesta arrivava lenta e si faceva attendere, annusare prima nell’aria umida per poi scoprirsi, tra i suoi velli di nebbia bianca, lenzuola dell’oceano, di una fitta ma quantomai dolce e sottile pioggierella, carezza del vento.

.

.

.

Lo conoscevo diverso
sempre illuminato
dal sole, una foto…
ed oggi mi si confida cosi’
mi racconta di lui
tra le nuvole scure
una tempesta alle spalle
un gabbiano sulle onde.

Mi si e’ aperto davanti
che non me l’aspettavo
mi ha detto di lui
cio’ che in pochi sanno
nudo nella bellezza di mostrarsi
se stesso, sono il suo amante;
oceano: solitario diamante.

.

.

.

Giacomo

Un pensiero su “Ocean crush

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...