All’ospedale

Si viene per guarire
si viene
per morire.

Questa stanza numero quattro
non ti rappresenta:
troppo pulita, ordinata, colori
delicati.

Però le pareti azzurre
chiare come 
quel manifesto in cucina 
– ricordi?

E poi un vaso di fiori 
chi ti ama ti stringe la mano, ti accarezza
i capelli ancora
ricci.

La pancia gonfia, il respiro
il respiro, il respiro affannato
ce la fa ancora, ce la fa, ce la fa
per ora.

Ti ho vista che eri?
Siamo state vicine – dimmi – sapevi?
Hai sentito chiamare il tuo nome, i nostri
li udivi?

Chissà dove e in che modo sei 
diversa
da prima, da noi che siamo
senza. 

Lo smalto rosso, la voce, un lampo
negli occhi
sei tornata soltanto
un momento.

Ci mancherai.

Arianna

2 pensieri riguardo “All’ospedale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...