Chi ha paura dello sfigato?

Oggi non mi sono piaciuta. Per niente.
Chiacchieravo con un collega, ad un certo punto si avvicina un’altra insegnante, che non gode di una buona considerazione sociale all’interno della scuola. Gli altri insegnanti e gli allievi mi hanno fatto capire che è un po’ “strana”, forse non è il suo mestiere, oppure sta attraversando un periodo di sofferenza, non so, ma si vede che non sta bene. Non è una brava insegnante, a quanto sembra. Inoltre, non è una bella donna (secondo i canoni dominanti) e poi è impacciata, vestita con abiti che sanno di vecchio, tristi. Insomma, interpreta il ruolo della “sfigata”.
Ora: come mi sono comportata io nei suoi confronti?
L’ho ignorata. Ho continuato a parlare come se lei non ci fosse, non ho cercato di coinvolgerla nella conversazione fino al momento in cui lei ha attirato a sé l’attenzione in maniera esplicita, rivolgendosi direttamente al collega, per parlare della classe in cui entrambi insegnano.
Domanda scomoda: mi sarei comportata diversamente con una persona non etichettata come “sfigata”?
Risposta ancora più scomoda: sì.
Domanda difficile: perché?
Risposta possibile: perché ho paura di trovarmi nella sua condizione e perché voglio essere considerata positivamente all’interno della scuola e in qualche modo devo aver pensato che parlare con lei non sarebbe stato interessante o, peggio, che avrebbe reso anche me un po’ “sfigata” (non è detto che io non lo sia, del resto).
Conclusione: c’è molto lavoro da fare…

Arianna

Annunci
Questo articolo è stato pubblicato in Aironi e contrassegnato come , , , , , da arikita . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su arikita

Che ci faccio qui, su questo pianeta? Di preciso non lo so. Me lo chiedo spesso, però. Per ora sono arrivata alla conclusione che sia per contribuire a rendere la realtà interna (me stessa) ed esterna (il mondo in cui vivo) un posto più accogliente per tutti. Per sentire mie le battaglie combattute in nome dell’uguaglianza, della libertà, della giustizia. Per esercitare la compassione e provare a comprendere.

3 thoughts on “Chi ha paura dello sfigato?

  1. interessantissimo post mia cara e complimenti per esserti così mostrata.
    In effetti osservando te stessa ci fai riflettere a nostra volta, prendere atto di un inconscio pauroso che spesso ci guida in comportamenti e azioni davvero umilianti.
    estendo la tua osservazione critica anche ai down e ai disabili.
    quando ci passano accanto in strada ce ne accorgiamo o facciamo finta di non vederli?
    e qui che ognuno si auto-dia la propria risposta scomoda.
    (se ne ha il coraggio)

    • Esatto.
      E chiediamoci anche da dove nascono questi comportamenti poco edificanti e come agire su quella fonte. Ma senza odiare noi stessi, ché tanto non aiuta.

      • Forse potremmo inventarci un rito collettivo per esorcizzare la paura. Tipo il gioco dello sparviero: “Chi ha paura dello sfigato?” “Nessuno!”
        “Chi ha paura dello straniero?” “Nessuno!” “Chi ha paura del malato?” “Nessuno!”
        La prossima volta che ci vediamo proviamo! Magari funziona 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...