Duty free

Se ci pensate, l’amante può essere considerato uno stagista dell’amore. Si tratta di una forma di relazione regolata da un contratto atipico che non prevede diritti, né doveri particolari. Ma soprattutto, l’amante non ha il diritto di sentirsi tradito, mai; va contro la sua stessa definizione: non si può tradire un amante. Così, ci possono essere casi in cui si scelga l’atipicità ancora prima della regolarità: avere un amante senza avere un partner. Logicamente, senza rimborso spese.

Gianmarco

Annunci

3 thoughts on “Duty free

  1. Sì, è vero! Non l’avevo mai pensata in questi termini… però è anche vero che spesso le relazioni sono molto più fluide e complesse e difficilmente si riescono a incasellare in un contratto, con diritti e doveri scritti nero su bianco.
    Ma, soprattutto, nelle relazioni possiamo scegliere di non accontentarci. Se del lavoro abbiamo bisogno per necessità (pochi eletti possono lavorare anche per passione), di un amante o un amato possiamo fare a meno se – a conti fatti – le sofferenze superano le gioie. In amore, nessuno ci costringe ad accettare un contratto umiliante. Possiamo dire: “Grazie, ma non mi interessa, voglio avere almeno qualche diritto in più”. E scegliere una solitudine dignitosa in cambio di un contratto che noi viviamo come umiliante. A volte ci si confronta con contratti umilianti in amore, anche se tutto è relativo e ciò che io percepisco come umiliante per un altro può non esserlo e viceversa.

  2. Credo che comunque le relazioni si basino su “contratti”, ossia fra aspettative di ruolo fra i due coinvolti nella relazione, in un certo senso è come se ci fosse una contrattazione tacita, quindi anche se non è scritto nero su bianco, quando l’interazione si sedimenta, quello che si trova sul fondo sono quei “diritti” e “doveri” che servono perché la relazione funzioni. Manca da capire chi sia l’eventuale datore di lavoro. Così come una persona può rifiutare un contratto di lavoro, allo stesso modo può rifiutare un contratto d’amore, se così lo vogliamo dire. Tutto sta nelle famose parole “L’ho lasciato perché ad un certo punto…”, ossia perché si è tradito il contratto firmato con la saliva dei baci.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...