2 thoughts on “L’alchimia dell’ osservare e dell’ascoltare

  1. Grande, Fil!
    Grazie 😛
    È difficile osservare come dici tu e ascoltare davvero. Per farlo bisogna resistere alla tentazione di essere occupati. Ci sentiamo meglio quando siamo occupati, quando mandiamo e-mail mentre parliamo al telefono, navighiamo su internet, cuciniamo, facciamo “qualcosa” insomma. Quando ascoltiamo (ascoltiamo?) musica mentre studiamo o lavoriamo. Così abbiamo l’impressione di “non perdere tempo”, di stare sul pezzo. Se siamo indaffarati, allora tutto va bene. Il peccato più grande che si possa commettere è il “non avere niente da fare”.
    Ho assistito a una lezione-dimostrazione di danza indiana Kathakali due giorni fa. Il danzatore ha detto: “Nel kathakali bisogna stare immobili per molto tempo. Ma non è vera immobilità. Si sta immobili all’esterno, ma si lavora internamente, con micro-aggiustamente continui”. Mi sembra che invece dilaghi la tendenza opposta: muoversi esternamente, mentre internamente non succede niente.

  2. “muoversi esternamente, mentre internamente non succede niente.”

    …interessante, davvero!

    Si è vero. C’è una tendenza a ricercare la.. notizia(l’occupazione prima)… piuttosto che la… percezione(intesa anche come ascolto ed osservazione). Credo sia questo in effetti alla radice della questione. Essere impegnati nel “sapere”, inteso come assorbire informazioni, piuttosto che nel sentire e delle sue sfumature. Ogni tanto immagino di esser trasportato in un mondo alieno di cui non conosco nulla, in cui nulla mi è familiare. E mi chiedo… che cosa.. di quanto faccio ora mi sarebbe utile lì? In stile Avatar, magari..
    Esiste qualcosa su cui posso lavorare che abbia un significato forte per me?
    La cosa curiosa e staordinaria è che.. in un certo senso… noi viviamo tutti i giorni in un mondo diverso(perchè tutto cambia e tanto!)…. ma abbiamo perso gli strumenti per riconoscere queste trasformazioni e per coglierne la bellezza intrinseca. Quante cose ci sfiorano senza essere…. vissute, gustate, assaporate… perchè DIAMO PER SCONTATI gli eventi, le situazioni, i visi delle persone, i toni di voce, gli sguardi, i tramonti, i gesti.. sparo una percentuale… un buon 99,9% delle cose?
    Sat cos’ela toi… ? Che dormim….

    Ciao Ari, Ari… spero che ci vediamo presto!!Un abbraccione, Fil

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...