Velasquez

Il mio caso può essere paragonato a quel ritrattista che, commissionato del ritratto di una donna, la dipinge in studio prima di vederla, in maniera quindi completamente difforme dall’originale e una volta trovatosi di fronte alla persona vera, in carne ed ossa, non volendo abbandonare un quadro che reputa così ben riuscito in sé, procurasse di “modificare” la donna truccandola e deformandola con sfregi perché “somigli” di più al primitivo “ritratto”.

Carlo

Annunci

3 pensieri su “Velasquez

  1. Forse è anche peggio: non riconosco la bellezza che esiste perché non si conforma al mio ideale astratto e aprioristico ma, nel tentativo di forzarla dentro i confini angusti del mio modello mentale, la rovino. E così genero bruttezza dove v’era bellezza.

    Un proverbio arabo recita: “Non è bello ciò che vedi, è bello il tuo sguardo”. Se nelle persone che ci circondano vediamo soltanto bruttezza, dovremmo anzitutto sforzarci di cambiare il nostro sguardo 😉

  2. Sono più propenso a dare ragione al commento di arikita. E’ un atteggiamento ovviamente rintracciabile anche nei filosofi certo ma sopratutto in quegli artisti che hanno un forte contenuto ideologico alle spalle e che non riescono a staccarsi da esso neanche nel momento della creazione. Ogni opera allora diviene quasi un manifesto, un autoritratto del proprio cervello. Sono in bilico fra saggio filosofico e romanzo. Spesso producendo un surrogato sia del primo che del secondo. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...