Fès

Dopo il tè mi condusse su per le scale, uscendo da quella chiocciola buia, azzurro e ocra mi riempirono gli occhi: dinnanzi a me si dischiuse un paesaggio senza fine, fatto di tetti, gatti, cupole e panni. Mi disse che da lassù si poteva vedere tutta Fès e per un momento rimanemmo in silenzio, finché il muezzin iniziò a salmodiare.

Roberto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...