Odiare l’amore

“Ma che cosa ti è successo?”
“Si vede, vero?”
“Sì, sembri sconvolta”
“Lo sono. Quando siamo tornati a casa da Londra, domenica sera, abbiamo trovato una finestra rotta, tutto in disordine… sono venuti i ladri. Per fortuna hanno rubato soltanto i regali di Natale, anzi: uno non l’hanno nemmeno rubato, l’hanno soltanto aperto, e distrutto. Secondo la polizia sono stati due allievi della scuola, che mi conoscono, per farmi paura. Probabilmente si tratta di ragazzi che non festeggiano il Natale”.

Un regalo sotto l’albero è un gesto d’amore. Distruggerlo per spaventare è un gesto di rabbia, forse d’odio. Ma se un ragazzo odia l’amore al punto da distruggerne i doni, è perché non l’ha mai provato. Non giustifico la sua azione, però la capisco: se l’amore non esiste, beh, pazienza, me ne faccio una ragione; ma se esiste, e non è per me, posso impazzire di rabbia.
Oggi provo dolore: perché la mia collega ha paura, perché si è sentita messa a nudo dai suoi allievi, perché due ragazzi non festeggiano il Natale e anche per questo – forse – si sentono esclusi, perché due ragazzi odiano i doni d’amore, che non ricevono.

Arianna

Annunci
Questo articolo è stato pubblicato in Aironi, Pensieri e contrassegnato come , , , , da arikita . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su arikita

Che ci faccio qui, su questo pianeta? Di preciso non lo so. Me lo chiedo spesso, però. Per ora sono arrivata alla conclusione che sia per contribuire a rendere la realtà interna (me stessa) ed esterna (il mondo in cui vivo) un posto più accogliente per tutti. Per sentire mie le battaglie combattute in nome dell’uguaglianza, della libertà, della giustizia. Per esercitare la compassione e provare a comprendere.

4 thoughts on “Odiare l’amore

    • Sì, concordo con te. Infatti sono convinta dell’importanza di socializzare anche le risorse affettive, bisogna farle arrivare il più lontano possibile, non concentrarle esclusivamente all’interno della coppia, famiglia o cerchia di amici.

  1. Mi accorgo, ogni giorno che passa, di essere fortunato. Sono cresciuto in una famiglia che, nonostante tutte le difficoltà, mi ha sempre amato, in maniera incondizionata. Vedo il declino di questo valore, lo vedo non solo nei ragazzi, sarebbe troppo comodo, ma anche nei genitori, soprattutto nei genitori. La responsabilità di aver cresciuto dei figli senza amore, con una scala di valori troppo “materiale” è loro…per fortuna sei in una posizione di vantaggio, un insegnante può contribuire a porre rimedio a queste cose good luck !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...