Senti come tira, ‘sto motore (di ricerca)

Giochiamo? Google mette a disposizione un servizio interessante, che si chiama Google Trends, e ti permette di visionare le statistiche sulla ricerca di uno o più termini. È divertente e interessante, se pensate che se cercate il trend di “allungamento del pene”, avrete, per l’Italia, il risultato…

"allungamento del pene", Trend italiano - Google
“allungamento del pene”, Trend italiano – Google

Ossia, a ben vedere, dopo un’emergenza virilità alla fine del 2006 – che sarà mai successo? – e un netto disinteresse nell’inverno successivo, la tematica è tornata ad essere di importanza non indifferente. Purtroppo lo strumento è estremamente vago e non ci permette di sapere chi ha effettuato la ricerca, a cosa si riferiva esattamente e via dicendo, ma registra esclusivamente il fatto – di per sé non insignificante – che la ricerca di qualcosa che abbia a che fare con l’allungamento del pene è una ricerca che, fra alti e bassi, si mantiene pressoché costante, in lieve calo nel complesso. L’attenzione è alta, almeno quella.
Se poi cerchiamo nel web dei riferimenti ci imbattiamo in un panorama florido. Ci aiuta in questo senso il servizio Answer di Yahoo!, in cui si chiede

chi di voi ha mai fatto esercizi per allungare il pene? se sì quali sono stati i risultati?

Le risposte sono delle più varie, semplificando sono raggruppabbili in tre categorie principali: quelli che sfottono – prendi una corda e cerca l’albero più alto del paese. attacca la corda all’uccello e alla cima dell’albero e buttati giù. provare per credere; o un più laconico: metti la prolunga; quelli che si prendono a cuore la questione e magari ti riportano studi e testi copiatincollati o ti rassicurano che

Se c’e’ l’hai almeno 15/16 cm va bene, ma se ce l’hai meno sei fottuto, mi dispiace. i medici ti diranno che 8 cm sono piu’ che sufficienti ma solo perche’ non sono capaci di fare niente. Sta di fatto che gia’ i miei 12 cm a una donna fanno schifo. Se si innamora può accettarlo, ma il rapporto non sara’ mai del tutto soddisfacente, quindi puoi immaginare come va a finire.

Infine ci sono quelli che ti danno le soluzioni, magari adducendo argomentazioni del tipo: più lo usi, più cresce. In ogni caso sono di più quelli che viaggiano dietro all’argomento, di quelli che ne prendono le distanze.
Abbiamo anche detto che ci sono alti e bassi nel trend, e gli alti sono – inspiegabilmente? – concentrati intorno ai mesi della bella stagione e dell’estate. Tutti nudisti in imbarazzo? Ma anche intorno alla fine dell’anno: preparativi per il Capodanno? Propositivi per l’anno nuovo?  Questo gioco è molto divertente, e ci rivela una piccola parte di un complesso scenario in cui la prestazione è un’ossessione della popolazione, insieme a quella per la forma: bisogna essere ad un certo livello sia fisicamente che nell’espletamento del proprio dovere-piacere fisico. Andatevi a vedere il trend per la parola “porno” e il suo andamento, alla luce di quello di cui abbiamo parlato, vi farà venire in mente qualche dubbio, o curiosità.
Io vado a fare gli esercizi.

Gianmarco

Un pensiero su “Senti come tira, ‘sto motore (di ricerca)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...