Senza canditi

Da secoli l’antropologia culturale rileva un fenomeno la cui dinamica è singolare e per lo più sconosciuta: a cadenza annuale, presso numerose popolazioni del globo, si assiste ad un curioso assembramento di clan in concomitanza con i giorni del 24, 25 e 26 dicembre. Durante queste assemblee si consumano lauti banchetti, si riallacciano i contatti con membri del clan con i quali, durante l’anno, non si hanno avuto contatti, e ci si scambia dei doni. Nella stessa occasione, si ha la possibilità di risolvere vecchi conflitti o crearne di nuovi. Antropologi e sociologi ipotizzano si tratti di una drammaturgia ricorsiva, vale a dire un rituale che una comunità svolge, ma è ancora oscuro il fine di questo drama – nel senso di performance – collettivo. Numerose ricerche hanno permesso di rilevare, per questo particolare fenomeno, il nome di Natale (nei rispettivi idiomi), e si ipotizza un legame con certi sistemi di credenze molto diffusi a livello globale, ma una branca delle scienze sociali è più orientata a considerarlo un fenomeno correlato allo spirito del capitalismo e alla globalizzazione degli stili di vita. Il carattere rituale e drammatico del fenomeno rivela all’occhio dell’osservatore sociale diverse criticità che riguardano, in prima istanza, il senso che questo incontro può avere per i partecipanti, in un’ottica futura. Il rinnovo dei contatti, persi o non coltivati nell’intervallo fra un Natale e il successivo, non sembra avere un’intensità tale da creare presupposti per la ripresa futura dei contatti, e questo potrebbe dipendere dalla consapevolezza che i partecipanti hanno della ritualità del fenomeno stesso – si aspetta il prossimo Natale, che sembra concedere l’indulgenza per il mancato rispetto degli standard comunicativi intra-clan. Lo stesso utilizzo massiccio del cibo come elemento simbolico, o meglio la convivialità come culto del clan, e lo scambio di doni, simile a quello delle popolazioni antropologicamente significative, potrebbero rappresentare una chiave di interpretazione del fenomeno “Natale”, ma gli studiosi, a dirla semplice, ancora brancolano nel buio.

Gianmarco
27 dicembre 2320

Annunci

One thought on “Senza canditi

  1. delizioso.
    credo che gli antropologi potrebbero essere anche piuttosto confusi dal contenuto religioso che sembra comprendere la nascita di un bambino e l’apparizione di un vecchio vestito di rosso su una slitta volante: i rapporti tra le due figure dominanti la mitologia del “natale” vengono deliberatamente ignorati dai clan, lasciando presupporre forse l’esistenza di un tabù in proposito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...