Se non ora, quando?

Dalle pagine di un diario…
…per alcuni miei fratelli di Pratica.

Se non ora, quando?

 
Domenica 13 febbraio

Leggevo queste scritte sui cartelloni in piazza Italia, alla manifestazione delle donne contro il governo. Là, in mezzo a quella folla, mi chiedevo perché mille manifestazioni non abbiano sortito effetto, contro un governo che poco ha di democratico e tanto invece di dittatura.

Lunedì 14 febbraio

Cerco casa. Forse la trovo, poi mi sfuma davanti. Ma non importa. Importa che se non trovo un contratto indeterminato non ho garanzie da dare alla banca per aprirmi un mutuo col quale comprare casa, e allora devo andare in affitto ma se non ho nemmeno un contratto determinato non ho garanzie di riuscire a pagarlo questo affitto così col mio rosicchiare lavori poco riesco a fare e la mia situazione rimane stagnante, in una casa che non sento più mia. Verrò a vivere tra i monti, oh aquila alpina?

Martedì 15 febbraio

Tutto non si riesce a prendere nella vita. Posso allargare i miei tentacoli, ma la giornata è fatta di 24 ore e qualcuna bisogna pur dormirla. In cambio posso dire che non mi stufo. Ho la bellezza di 3 lavori. Sono fortunato. Anche se per vedere i prossimi soldi mi tocca aspettare aprile-maggio, dicono, dei quali mezzi li dovrò versare in tasse. Faccio un sorriso largo, ostentato, che sembra un aprire la bocca quasi per mordere qualcuno.

Mercoledì 16 febbraio

Non capisco perchè io non riesca a trovare un equilibrio, cazzo, una via di mezzo. O troppo lavoro, o troppo poco. O mi ammazzo con 14 ore al giorno o mi gratto i cosiddetti. Gli ultimi 3 anni sono stati una continua altalena tra il troppo e il troppo poco. Io non sono incostante, è l’offerta di lavoro che è incostante, e io prendo quella che c’è, quando c’è. Mi tocca. Stagionale? Avanti, presente! Almeno così i soldi non mi mancano mai, e posso offrire alla mia ragazza una cena quando usciamo assieme.

Giovedì 17 febbraio

A fine giornata potrei avere del tempo per me stesso. Mi sono alzato alle 6.30 e sono tornato a casa alle 22. Faccio cena. Dopo, prima di andare a dormire, posso rubare 15-30 minuti  che sarebbero stati di nanne per…per…? Ad inizio giornata potrei avere del tempo per me stesso. Posso rubare 15-30 minuti al sonno per… per…? Mi siedo su una sedia, e con fare meditabondo mi piego in avanti, appoggiando il gomito sul ginocchio destro e la mano sul mento, sorreggendolo. Sono minuti importanti, questi, gli unici per me. Non vanno sprecati. A cosa li destino? Allora mi chiedo, tra tutte le migliaia di cose che mi balzano in testa, quali posso rimandare al giorno dopo e quali, o quale, posso farla solo oggi? Allora comincio a sfoltire la lista…Un libro posso leggerlo anche domani, un film posso guardarlo più avanti, eccetera. Passo in rassegna tutte le possibilità, tutte tranne una. E allora capisco. Là mi fermo, ho trovato la risposta. E allora mi ricordo di una frase, sentita per un caso analogo…

Se non ora, quando?

Giacomo

Annunci

One thought on “Se non ora, quando?

  1. Come ti comprendo Giacomo… lo sai.

    Ad un certo punto nella vita occorre fare delle scelte forti. Scelte che cambiano dentro.
    Ma che fanno crescere in volontà e consapevolezza…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...