Prossemica oscena

E così, l’Italia che festeggia e quella che protesta, l’Italia che urla “Roma ladrona” e quella che a Roma ci vive, l’Italia pro e quella contro, l’Italia, questa e non un’altra, entra in guerra.
Osceno continuare la solita vita, eppure la vita continua: ci preoccupano i soliti dolori da ricchi impoveriti, l’ombelico del nostro solito mondo e il mal di testa che, al solito, arriva il giorno prima. Nel frattempo, sull’altra sponda, i soliti ultimi si preparano a morire.

Arianna

Illustrazione di Elisabetta Bernardi

Annunci
Questo articolo è stato pubblicato in Aironi, Pensieri e contrassegnato come , , , , , da arikita . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su arikita

Che ci faccio qui, su questo pianeta? Di preciso non lo so. Me lo chiedo spesso, però. Per ora sono arrivata alla conclusione che sia per contribuire a rendere la realtà interna (me stessa) ed esterna (il mondo in cui vivo) un posto più accogliente per tutti. Per sentire mie le battaglie combattute in nome dell’uguaglianza, della libertà, della giustizia. Per esercitare la compassione e provare a comprendere.

One thought on “Prossemica oscena

  1. Precisazione forse non superflua: in guerra c’eravamo già, anche se non ce ne accorgevamo. Ora partecipiamo anche a questa guerra, ma lo stato di pace, definito come estraneità a conflitti armati, ci era sconosciuto già prima.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...