La casa del mastro vetraio

Divorata dai balconi

di grandi condomini

c’è la piccola casa

immobile,

viva eppure…

con il suo incubo notturno

di muri in rovina

e ferri sventrati,

ogni notte

per tutte le epoche.

La finestra è velata

da un brivido di condensa,

da un terremoto umido

fatto della sostanza dei sogni;

dentro però dorme sereno

il soffiatore d’anima

con la fucina e il suo vetro

nella canna come un flauto

canta le note e consola

la sua piccola casa.

Giulio

Annunci

11 thoughts on “La casa del mastro vetraio

    • Ma se un giorno o l’altro ti dovesse convincere, sarebbe di vetro!

      A parte le scemenze…anima è solo un nome, un po’ abusato. Comunque non so come si possa convincere o non convincere qualcuno in merito ad un argomento tanto complesso, mi limito a dire che la realtà non è fatta tutta d’atomi, quindi lasciamo spazio a quel che può venire!

      Bacio

  1. Sì, forse è proprio il fatto che sia un termine abusato che non mi piace. Con questo però non intendo – personalmente – escludere del tutto una dimensione spirituale dell’esistenza. Chissà se ha senso ciò che ho appena scritto… bah! Ai posteri l’ardua sentenza. Un abbraccio, Aironi!

      • Ci ho pensato.
        Chiamo “spirituale” quella dimensione che mi comprende, una dimensione che comincia prima di me, e finisce (se finisce) molto dopo. Va oltre, trascende. Spiritualità sono gli ideali. I sogni collettivi. Conoscenza, comprensione, compassione. E’ la tensione verso qualcosa di bello, di migliore. Per tutti.

  2. Qualcosa che ci “comprende”… magari potremmo anche avere un modo per comprendere l’incompreso! Magari una tecnica, chi sa!

    E inoltre se non la comprendiamo, come facciamo a essere sicuri di quello che ci sia dentro? Se la spiritualità ci pervade e ci contiene, possiamo stabilirne i confini o gli attributi?

    Baci!

    • Giulietto furbetto eheh t’ho capito! Fai bene… ma sai che mi piacerebbe. Nel frattempo, sbando e provo, cerco e fatico. Cammino, insomma. Verrà il tempo, in cui comprenderò.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...