La responsabilità del benefattore

Laddove sei ferito, un po’ di balsamo ti dà sollievo. Ma, allo stesso tempo, può renderti dipendente da chi lo dispensa. Il benefattore, dunque, si assume una grande responsabilità nei confronti del ferito e deve stare attento a dosare le attenzioni, per non fare promesse (o far pensare a eventuali promesse) che non può mantenere. Nel momento in cui qualcuno fa sorridere qualcun altro che non ha proprio voglia di sorridere, o gli fa arrivare un po’ di affetto nel momento in cui le sue ferite urlano vendetta sta creando un legame. Il rischio, però, è che il benefattore si trasformi in carnefice, perché qualunque legame – una volta creato – non può essere sciolto senza dolore.

Arianna

Annunci
Questo articolo è stato pubblicato in Aironi, Pensieri e contrassegnato come , , , da arikita . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su arikita

Che ci faccio qui, su questo pianeta? Di preciso non lo so. Me lo chiedo spesso, però. Per ora sono arrivata alla conclusione che sia per contribuire a rendere la realtà interna (me stessa) ed esterna (il mondo in cui vivo) un posto più accogliente per tutti. Per sentire mie le battaglie combattute in nome dell’uguaglianza, della libertà, della giustizia. Per esercitare la compassione e provare a comprendere.

4 thoughts on “La responsabilità del benefattore

  1. ma bisogna fare attenzione a non usare l’altro come disinfettante… a volte le ferite rimarginano prima se lasciate all’aria aperta a guarire da sole perchè poi la pelle, quando si fa nuova e la ferita si chiude, è più forte e non ha bisogno di balsamo, s’accontenta di amare.
    oh ,e te lo dice una che aspetta da anni di rimarginare le ferite e continua ad aprirsele da sola:-) c’è anche del gusto nel grattare via la crosta con le unghie, correndo il rischio di lasciare cicatrici.ti voglio bene.

    • E’ vero, Martulins, però se il balsamo arriva quando meno te l’aspetti è molto difficile dire: “No, grazie, preferisco soffrire ancora un po’ e lasciare che le mie ferite guariscano da sole”. Ti pare? E comunque mi sembra giusto attribuire almeno una parte di responsabilità a chi con troppa leggerezza crea e scioglie legami di varia natura, senza alcuna considerazione per chi sta dall’altra parte del nodo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...