Riprodurre l’esistente

Ad un certo punto (com’è, come non è) la gente si sposa e si mette a far figli. Et voilà: “Si sono sistemati”.
Ora forse risulterò antipatica (lo dico prima così poi potrò dire “L’avevo detto”, cosa che fa sempre piacere) ma a volte ho questa impressione: riproduciamo l’esistente. E basta. Senza fare il minimo sforzo di cambiare ciò che non ci piace.
Per esempio, ho sentito un giovane sposo, ansioso di diventare padre, esclamare: “Ma perché devo pagare tasse così alte per sostenere i disoccupati? In questo modo, limito il mio futuro per il presente degli altri!”.
Ecco, a me viene proprio voglia di rispondere: “Sì, mio caro, proprio così. Perché il presente (leggi: altri esseri umani) esiste, il futuro non ancora”. E quindi, a prescindere dal futuro che vorremmo per noi stessi e per la nostra famiglia, dobbiamo contribuire a rendere questo mondo un posto più accogliente per tutti (per esempio, riducendo le disuguaglianze economiche e sociali).
Soltanto se manteniamo saldo questo impegno potremo riprodurci un po’ diversamente da come siamo.

Arianna

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...