Collage N.1

Chiatta sul rivo, le sponde lontane
il grido di un gabbiano, lo seguo.

Uragano maelstrom blu grigio d’acqua
un vivo spirito animale ne è ricoperto;
ulula morde e si difende, irrazionale,
dal sole, sfera d’oro, indicibile pacatezza.

Scelgo parole, compongo la scena:
immagine astratta che vivo, confuso,
da sole e da animale, ripetutamente,
costruendo e combattendo quel vortice.

Tra gli universi un falco vola:
lacera i confini dei mondi,
li cuce assieme, ago che congiunge.

I giorni si susseguono in un lancio di dadi
tra le rose le spine e il sonno, noia a tratti
a tratti nostalgia e odio, verso gli altri
verso me stesso, verso tutti: te compreso.

Perchè sei di nuovo qui?

Mi alzo al mattino e ho quarant’anni
voglio un figlio, voglio un lavoro, una vita.
Annuso l’aria di città, oggi è diversa.

Com’è che il vino ha perso il suo gusto?

Riesco a guardare una goccia di rugiada
su una foglia, sorridere al riflesso del sole,
all’immagine distorta del mondo attraverso quell’acqua
e poi sventrare un pesce per cena,
i miei piedi per terra,
la mia fantasia nelle scarpe.

Giacomo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...