Paesaggio in scala di grigi

Qui da noi quasi sempre la notte
crolla in accordi di ferro
fin dove è possibile udire.
 
Gli uccelli traforano d’urla
e ricami ciò che resta del vespro.
Sulla bocca un’arsura,
inguaribile,
Una innata fame di luce
 
Rovina l’autunno nei campi
lucenti fili ragnati di pioggia:
autunno interiore,
clessidra incrinata
che vomita sabbia
sul canterano, un mucchietto
di grani,
ha già formato
un massiccio inviolabile.
Annunci

One thought on “Paesaggio in scala di grigi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...