Melina (terza ed ultima parte)

Parte terza  

Era proprio vero. La stanza brillava della luce del mattino e Melina non poteva più dubitare di quel che vedeva riflesso di fronte a sè.

“Sono diventata una bambina colorata, caspitina!”

Effettivamente la pelle di Melina era tutta un intrecciarsi di colori caldi e luminosi, che si modificavano continuamente; a tratti sembrava fosse immersa in un mare di coriandoli, altre volte i colori si disponevano in losanghe e bandeggi più ampi (come il costume d’Arlecchino).

Melina sorrise contenta e lo specchio le restituì un sorriso arcobaleno.

Corse subito in cucina.

“Ta-dàn!”

Bi, Bo e Bu alzarono lo sguardo dalle tazze e rimasero esterrefatti.

“Sei bellissima” disse Bi.

“Sì” annuì Bo.

“Ng-ng-ng” fece loro eco Bu.

“Sì, sono bellissima” affermò radiosa Melina.

Mentre andava a scuola pensò un po’ spaventata a come l’avrebbero accolta, ma quando arrivò:

–        Gino il bidello le sorrise

–        Quelli della prima, seconda, terza A, B e C le sorrisero

–        Il maestro di matematica le sorrise

–        Praticamente fu accolta con un sorriso da parte di tutti quanti

–        E quando la maestra le chiese come stava, la risposta non fu il solito “Così così” ma “Molto bene, grazie, maestra”

Sembrava proprio che oltre ai colori avesse ricevuto in dono la capacità di rallegrare e rasserenare, forse i colori emettevano dei raggi magici, una cosa così insomma.

Fu ricevuta dal Presidente della Repubblica che le disse:”Brava figliola, continua così”.

Melina divenne più indaffarata di una rock-star: ogni lunedì andava a trovare i bimbi negli ospedali, il martedì parlava con un gruppo di nonnini, il mercoledì…

e poi ricevette inviti da tutti i paesi del mondo,

e poi organizzarono un grande incontro a cui parteciparono tutti i pittori più famosi, dentro il Louvre, per ammirarla e trarre ispirazione.

E poi il famoso pianista Mussorggisky compose una sinfonia che si chiamava “Colori ad un’esibizione”.  E così insomma.

Ho incontrato Melina qualche settimana fa, stava danzando, mi ha riconosciuto, mi ha sorriso e mi ha detto “Saluta tutti quelli che leggeranno la mia storia” e poi, leggera, ha ripreso il suo giro di valzer.

Qualche giorno fa ho scoperto che Melina si è sposata col Clown Masino, il figlio di Arlecchino.

Fine

Annunci

3 thoughts on “Melina (terza ed ultima parte)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...