Esposto

Respiro, esposto,
sulla parete nord;
tra i licheni
la roccia ammuffita,
lapide di qualche collembolo,
di un cuore
da troppo tempo seduto.

Rugiada
sulle foglie secche d’autunno,
il buio si fa prima
ed io rimango al calar
ancora nel bosco,
per fondermi con esso,
smettere di esser carne.

Giacomo

Annunci

5 thoughts on “Esposto

  1. ma grazie! sono contento vi sia piaciuta. a dire il vero quando l’ho scritta temevo che qualcuno potesse capire che il “smettere di essere carne” era un suicidio. d’altronde se mi preoccupassi di tutte le possibili interpretazioni potrei smettere subito di fare poesie.

  2. Sì, infatti e poi, forse, il bello dell’arte consiste anche nel fatto che ognuno può metterci un po’ di sé… vi è chi sostiene che un’opera non appartenga al suo autore il quale, dopo averla prodotta, non può parlarne da una posizione privilegiata, ma solo come un interprete tra i tanti. Capita infatti che un’opera non piaccia all’autore (che magari tenta di distruggerla) e invece “parli” a molti lettori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...