Il poeta, alla fine, è un vile

Il poeta alla fine è un vile,
‘che gli vien l’ispirazione
di scrivere ciò che è,
‘che gli arriva l’emozione nuda
che gli basterebbe ritrarla,
semplice semplice, sfrondarla delle parole
di troppo, e invece, pauroso
di mostrarsi schietto come la sofferenza,
di dire ciò che prova, su due piedi,
si nasconde tra mille artifici;
nasconde se stesso tra i giunchi
di metafore e paroloni,
prende la poesia e la contorce,
la ritorce, la modifica, la complica
che gli altri non lo capiscano,
non sia mai che lo comprendano,
lontano dal rischio di svelarsi l’anima,
e rimane così difeso e protetto
dietro la paura e il distacco,
con l’aria da colto, superiore,
una bella figura decisamente da artista.

Giacomo

Annunci

6 thoughts on “Il poeta, alla fine, è un vile

  1. Non saprei, James, non mi ritrovo moltissimo in questa interpretazione della scrittura poetica. Certo, scrivere poesie può essere un modo per sublimare un vissuto emotivo, ma non per questo lo ritengo qualcosa di negativo. Anzi, il fatto che altre persone (anche sconosciute) possano riconoscersi nelle parole del poeta mi pare molto bello.

  2. Io quand’ero più piccolo, facevo così. Complicavo la scrittura, apposta, ma forse più che altro per sperimentarla. Quando lo facevo ero soddisfatto, ma rileggendo dopo mesi non lo ero più. Ora cerco, anche nella raffinatezza dell’espressione, la semplicità.

    Le metafore, sono la porta del cielo (questa è una metafora nda!)
    G!

  3. mah, dipende dalle poesie che fa e su che argomenti. Più che altro dovremmo sfatare il mito che essere vili è deplorevole. È semplicemente il comportamento di chi ha paura, e, onestamente, ne abbiamo tutti. Solo il vero coraggioso potrebbe dire al vile che sta sbagliando. Io oggi posso solo ricordare a me stesso di comportarmi da coraggioso, e lo faccio ricordandomi con una poesia il meccanismo che accade nel fare una poesia da codardo. è un po’ contorto…

    • Il poeta è un’artista e l’emozione che lui prova te la trasmette come vuole, ti arriva e la riconosci e la comprendi, come sentire un profumo leggero nell’aria, come un dito che ti tocca leggero il cuore. E come tante altre forme di arte puoi comprenderla oppure no, se mi arriva paura vuol dire che qualcosa mi ha trasmesso, come non importa. La forma dell’arte è libera, e, secondo me, l’artista, che copra la sua paura con tante parole oppure no è in ogni caso coraggioso per il solo fatto che fa questa cosa, si toglie dalla mediocrità e dalla routine e produce la sua opera, e la da in pasto a tutti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...