Carne da statistica

Corpi rotti, scomposti, ordinatamente a pezzi. Attenzione, importante, contare i pezzi, uno per uno: sparsi, va bene, ma non dispersi.

Corpi pieni, stipati d’angoscia, un’ansia antica infilata tra gli arti, la pressione, la pelle secca. E davanti speranze nuove, come nuove le paure.

Corpi fermi, finalmente quieti, niente sorprese. Corpi immobilizzati, temporanea protezione da ulteriori incidenti, da queste ed altre cazzate.

Corpi fatti numeri, a ingrossare le statistiche degli ospedali, finiti ammucchiati in una nota per lo speaker, in fondo alle slides.

Che almeno la voce sia squillante.

 Arianna

Annunci
Questo articolo è stato pubblicato in Ironie e contrassegnato come , , , da arikita . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su arikita

Che ci faccio qui, su questo pianeta? Di preciso non lo so. Me lo chiedo spesso, però. Per ora sono arrivata alla conclusione che sia per contribuire a rendere la realtà interna (me stessa) ed esterna (il mondo in cui vivo) un posto più accogliente per tutti. Per sentire mie le battaglie combattute in nome dell’uguaglianza, della libertà, della giustizia. Per esercitare la compassione e provare a comprendere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...