Hotel del Disinganno

Stava lì, come sulla riva di un mare buio

a vegliare, disutile custode,

nel tiepido nido del nulla

aspettando di udire

nel breve iato fra orrore ed orrore

il caldo respiro di un suono

che lo riportasse fra i vivi.

Fra le mani la corolla di un fiore

che pur maltrattato

brillava accecante nel vuoto.

Dov’era finito il Mondo?

L’inutile e dolce cantilena degli anni?

Persino lo stridore di un urlo

ora

l’avrebbe commosso fino al midollo

.

View original post

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...