L’estate dei mughi marci – La coppetta di gelato.

Quel giorno di fine luglio guardavo con abbandono i mughi che sulle pendici dell’altopiano marcivano soffocati dalla cianoscora, un vero flagello delle conifere su cui già si sono spesi innumerevoli trattati e libri a non finire, e pensavo al mal di vivere, mentre i miei amici erano tutti scesi in paese, chi alla sagra di San Querimonio, chi al bordello. Mi sedetti su una panchina e vidi il simbolo dell’esistenza umana: una vaschetta di gelato abbandonata con una cicca spenta dentro, piena di cenere e formiche e alcune gocce di gelato al mango sciolto. Ecco, il breve ed inutile passaggio dell’Uomo sulla terra era quel rifiuto degradato. Mentre vi riflettevo, passò rombando un furgone scoperto carico di militari in licenza che, riconoscendomi, mi coprirono di ingiurie e cercarono ripetutamente di colpirmi con lattine di birra, alcune ancora piene.

 (continua)
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...