Finché c’è vita

La figlia di mia cugina, anni quattro, rimase colpita quando sua mamma le disse che sarebbe andata al funerale della nonna: “Ma come! E’ ancora morta?”.

In effetti.
La morte si può definire come l’evento irreversibile per eccellenza.
Una volta, e poi per sempre.

Eppure chi ancora vivo sperimenta la morte altrui la vede mutare d’aspetto, o meglio osserva variazioni negli stati emotivi che a quell’ancora morta si associano.

Inizialmente, l’incredulità, o a volte – nel caso di malattie lunghe e dolorose – perfino il sollievo: “Ha smesso di soffrire”. Poi (o contemporaneamente) un dolore acuto, a tratti rabbioso. Nostalgia, affetto, vuoto.

IMG_1938

Certo: la vita continua. Ma ogni giorno rinnova a suo modo quell’assenza, mescolata ad altre, e nuove presenze. 

Invecchiare, forse, significa proprio questo: notare le assenze, sempre più numerose, nella folla confusa dei vivi.

Arianna

Foto: Parigi 2013

Annunci
Questo articolo è stato pubblicato in Aironi, Pensieri e contrassegnato come , , , da arikita . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su arikita

Che ci faccio qui, su questo pianeta? Di preciso non lo so. Me lo chiedo spesso, però. Per ora sono arrivata alla conclusione che sia per contribuire a rendere la realtà interna (me stessa) ed esterna (il mondo in cui vivo) un posto più accogliente per tutti. Per sentire mie le battaglie combattute in nome dell’uguaglianza, della libertà, della giustizia. Per esercitare la compassione e provare a comprendere.

5 thoughts on “Finché c’è vita

  1. Leggevo ieri un libro sulla crisi e sul lutto (libro stre-pi-to-so, tra l’altro). Parlava del poter rimettere in campo le risorse malgrado l’assenza. Invecchiare significa anche ripescarle, queste risorse, aver dimestichezza, convivere con tutto questo.

  2. argomento difficile, in questi giorni. non mi ricordavo così tanta intensità e difficoltà a dare un senso, e al temo stesso a parlarne con serenità, come di fronte alle (prime) domande ed alle (prime, lucide) constatazioni di un bimbo di (quasi) 5 anni (il tuo promesso).

    • Eh vabbè, è chiaro che quando uno ha a che fare con bambi di cotal fatta, genio e maturità e profondità e sensibilità (dici che sto esagerando?)… ha del filo da torcere!
      Tra le tante cose sparse e disordinate che ho fatto, annovero un corso di formazione di “Filosofia per bambini”, che mi piacque assai.
      Se ritrovo il libro (!),potremmo organizzare una sessione in casa Vanza!
      Se non ritrovo il libro, improvvisiamo 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...