Puttana!

C’è sempre una prima volta.
Anche per gli insulti.

DSC_0364In realtà, il tassista che mi si è accostato, ha abbassato il finestrino e ha urlato: “Puttana!”, credo avesse voluto dire qualcosa tipo “ciclista di merda”, oppure “stronza”. Cosa che si può capire, del resto, perché ha dovuto pazientare un lunghissimo minuto prima di potermi superare. Ma un minuto a Parigi è un’eternità e quindi ha preferito usare il clacson: mi son fatta da parte, fermandomi a bordo strada (pedalare più a destra era impossibile in quel tratto strettissimo). Non pago, il tassista ha ritenuto fosse in suo diritto (o dovere) insultarmi. E tra i tanti insulti possiibli ha scelto “Puttana”. Se fossi stata un uomo mi avrebbe probabilmente apostrofato con “Figlio di puttana”, ché il male viene sempre dalla donna.

E ora un accorato appello: se dovete (perché a volte si deve, ne convengo) insultare una donna, scegliete un insulto appropriato alle sue colpe. Se si tratta, per esempio, di una professoressa stronza, chiamatela “stronza”… ma non “puttana”.

E’ proprio brutto sentirselo dire.

Arianna

Foto: Nadia Lambiase

2 pensieri riguardo “Puttana!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...