La terrazza

Hotel del Disinganno


Degli uomini vestiti elegantemente fanno una riunione gioiosa in una terrazza. E’ primavera. Altissimi grattacieli illuminati sullo sfondo.Lentamente imbrunisce.

Carlo, solo, in quiete, appoggiato alla ringhiera del balcone, non da alcun segno. Come un lattante che non ha ancora imparato a sorridere. Abbandonato come qualcuno che non sa da che parte girarsi fra le lenzuola per prendere sonno.

Siano pure illuminate le altre persone comuni, solo lui è nell’oscurità. Siano pure chiaroveggenti le persone comuni, solo lui è miope come una talpa. Manda un fioco chiarore, nella penombra, come la luna nell’ultimo quarto. Si aggira nervoso come non ci fosse, nell’universo intero, uno spazio adatto a contenerlo.

Fu proprio in quel momento, per la terza volta, che Dio, da una finestra imprecisata di uno degli enormi edifici, guardava con il binocolo verso la terrazza illuminata da lampioncini di carta colorata, con dei lumini all’interno, appese al pergolato di rose.

E…

View original post 97 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...