Prove dell’esistenza dei poveri

“Da noi i poveri non esistono”
“Come, scusa, non esistono?”
“Non esistono, non ce n’è”
“Non ci sono poveri?”
“No. Perché comunque la casa ce l’hanno dai tempi in cui la dava a tutti lo Stato, la disoccupazione è bassissima… ah beh, poi certo, se ti ammali e non hai una famiglia… i disabili, i mutilati… quelli sono tutti per strada”.
I poveri non esistono, quindi, perché non consideriamo degni di nota alcuni tra gli esistenti.
E allora la semplice esistenza è in certi casi una protesta, in quanto confutazione della non esistenza.
Una prova dell’esistenza non solo dei poveri, ma anche della povertà, non solo dei miseri, ma anche della miseria.

IMG_4830

Milano è deserta – si dice . A Milano son tutti in vacanza: i negozi e i bar chiusi, le email “out of office”, i telefoni degli uffici che squillano a vuoto. Eppure il tram in direzione periferia è pieno, di gente che in vacanza, evidentemente, non ci va. Alle sei e mezza due uomini dall’accento straniero, uno giovane e uno vecchio, si urlano contro. Perché stai in mezzo, non fai passare la gente. Ma che cazzo dici, non sono mica in mezzo. E scommetto che non hai nemmeno il biglietto, non fanno passare gli italiani (proprio così, ha detto “gli italiani”) e non hanno il biglietto in tasca. E a te che cazzo te ne frega. Dov’è lo Stato, dov’è il governo, qui ognuno fa quello che gli pare, non rispettano i vecchi, e non hanno il biglietto, e nessuno che apra bocca.
Anch’io sono stata zitta.
Ma agli increduli posso dire: “I poveri esistono. Ho le prove”.

Arianna

Foto: Atene, quartiere di Exarchia, murales dedicato ai poveri e ai senzatetto

Annunci
Questo articolo è stato pubblicato in Pensieri e contrassegnato come , da arikita . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su arikita

Che ci faccio qui, su questo pianeta? Di preciso non lo so. Me lo chiedo spesso, però. Per ora sono arrivata alla conclusione che sia per contribuire a rendere la realtà interna (me stessa) ed esterna (il mondo in cui vivo) un posto più accogliente per tutti. Per sentire mie le battaglie combattute in nome dell’uguaglianza, della libertà, della giustizia. Per esercitare la compassione e provare a comprendere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...