Dentro a un cielo bianco

C’è una finestra sopra il cemento, dei palazzi di fronte, della strada. C’è una finestra e poi c’è anche un cielo, bianco. E dentro al cielo, con i piedi sopra il cemento, c’è una ragazza: alla fermata del tram, aspetta, ha freddo, pensa e sente. Sente la rabbia che arriva.
Non sa in quale punto cominci, questa rabbia. Magari comincia dai piedi e poi sale, ma è così leggera che non sembra neanche rabbia, e poi invece, di colpo, arriva in pancia e lì si trasforma e diventa, come una cosa che ti stringe e ti fa più corto e più curvo, come un nodo, un groviglio. La ragazza ha già visto cosa fa la rabbia quando viene fuori, e non le piace. Ma ecco che la rabbia nella pancia si sposta, salta (sì, fa proprio un balzo) e si aggrappa alla gola, a qualcosa dentro la gola che la fa stare appesa. Adesso la ragazza la sente in quel punto (e intanto il tram non passa, e sicuro poi sarà pieno, sicuro proprio), in cui può diventare pianto. La ragazza sente la rabbia in gola e poi, d’un tratto, riesce a vedere sotto la rabbia, o forse dentro, come un sofficino ripieno, e nel ripieno vede se stessa, una ragazza uguale a sé, ma più piccola. Allora pensa che la rabbia è come quando una bambina si sveglia di notte e piange, e piange, ma dopo un po’ – se nessuno la prende in braccio – il pianto diventa un urlo arrabbiato, fino a far dimenticare che, all’inizio, era solo un pianto.

Annunci
Questo articolo è stato pubblicato in Aironi da arikita . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su arikita

Che ci faccio qui, su questo pianeta? Di preciso non lo so. Me lo chiedo spesso, però. Per ora sono arrivata alla conclusione che sia per contribuire a rendere la realtà interna (me stessa) ed esterna (il mondo in cui vivo) un posto più accogliente per tutti. Per sentire mie le battaglie combattute in nome dell’uguaglianza, della libertà, della giustizia. Per esercitare la compassione e provare a comprendere.

3 thoughts on “Dentro a un cielo bianco

  1. In questo piccolo brano riposa una potenzialità purtroppo non sviluppata.
    L’incipit, con qualche accorgimento, diverrebbe poesia della fattispecie più nobile e originale.
    Manca un ritmo, a giustificare il “viaggio” della rabbia, accompagnato fino a divenire un grande sguardo d’insieme, in lontananza. Quella lontananza in cui la rabbia si fa Rabbia.
    Arianna, ti invito a riprenderlo in mano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...