Lettera ai miei amici, razzisti.

Alcuni miei amici sono razzisti. E’duro ammettere che il razzismo strisciante se ne sta anche nelle cerchie affettive più strette e che durante un discorso qualsiasi è possibile che qualcuno faccia un commento razzista. Sommessamente, razzista, come può essere razzista un trentenne con laurea magistrale. E’ ancora più duro ammettere che quando sento un commento razzista uscire dalla bocca delle persone a cui voglio bene è ancora più difficile reagire, perché, dare del razzista a qualcuno, significa metterlo in una situazione di disagio e lì, nel bel mezzo di una cena o di un aperitivo, nel più e nel meno, è più difficile prendere il discorso e scaraventarlo nei meandri della pochezza umana. Così scrivo alcune parole qui, nella speranza che magari, qualche amico razzista, legga e prima di aprir bocca rifletta un poco (o semplicemente di più).

Caro amico razzista,
è bello incontrarti, star con te, far quattro chiacchiere, condividere una cena, un abbraccio, parlar di come stai e di quel che ci succede. Vorrei solo chiederti un’attenzione, più del solito. Sforzati di non cedere al razzismo. Il razzismo ti striscia dentro, come quella volta che hai detto “con dei vicini così, non è zona per crescere i miei figli”, oppure quella volta che hai detto “gli albanesi sono così, maleducati”, oppure ancora quando mi racconti di come quel signore che sul bus parlava in arabo ad alta voce e… “non si vergognava, dopo quello che è successo.” Io lo so, che è dura in questo mondo, non cadere nel razzismo. Soprattutto se ti bevi la tv e i giornali a colazione, ma proprio devi far qualcosa. Prima di aprir la bocca, prima di tagliare un bel giudizio condito con generalizzazione, chiediti: “non sarò razzista?”. Perché si, lo sei. Sei razzista quando fai di una religione un difetto, di un popolo un atteggiamento, quando riduci, semplifichi, quando ti vuoi allontanare dal diverso solo perché distante da te. La signora con il velo che ti ha rubato il posto, è semplicemente una signora maleducata. Il marocchino che spaccia è semplicemente uno spacciatore. L’albanese che svaligia le case è un ladro. Il negro che ti ruba il lavoro è semplicemente un signore che il datore di lavoro ritiene possa fare meglio di te (è così ad ogni colloquio, in qualsiasi settore). L’arabo è una lingua, semplicemente una lingua (sembra incredibile dover affermare questo, eppure oggi è necessario).
Il razzismo tuo è quello di tutte le epoche, proprio uguale a quello di tutte le guerre, proprio quello che il futuro studierà con compassione, quando difficilmente si riusciranno a distinguere le genti e quando apparterremo tutti allo stesso nucleo di valori, umani, universali.

Ti sono vicino, anche se una parte di me vorrebbe cancellarti dalla rubrica. Ma tu, in fretta, datti un occhio, fatti una revisione e frena, frena le parole. Dei tuoi albanesi, dei tuoi cinesi, dei tuoi musulmani, dei tuoi marocchini, dei tuoi zingari, io ho in mente i volti. E i volti, ahimè per te, non corrispondono.

Giulio

Annunci

2 thoughts on “Lettera ai miei amici, razzisti.

  1. Per quanto condivida il testo nella sostanza, c’è qualcosa che non mi convince in questa lettera. Forse è il fatto che mi sembra che tu escluda di poter ospitare dentro di te, tuo malgrado, parti poco accoglienti o spaventate o giudicanti (il razzismo spesso nasce da qui – credo). Se si tratta di amici, e quindi c’è un terreno comune, perché non ti poni su un piano più alla pari e, per esempio, invece di definirli in toto come “razzisti” (per quanto abbiano indubbiamente delle parti razziste…) chiedi loro il motivo delle loro esternazioni razziste, cosa provano esattamente e se non temono di lasciarsi sommergere dal loro razzismo? Ovviamente se poi il tuo tentativo di aprire un dialogo trova un muro… puoi concluderne che i tuoi amici non sono pronti nemmeno per parlare delle loro parti razziste, e quindi difficilmente saranno pronti per liberarsene. Però una cosa è il “politically correct”, e quindi le cose che si possono o non si possono dire, un’altra è allargare il campo a quello che si pensa e si prova… in questo secondo caso credo si debbano attraversare terreni più insidiosi, in cui nessuno è totalmente puro, unilaterale (nel bene e nel male) ed esente dalle colpe che condanna. Come diceva Terenzio: “Homo sum, nihil humani a me alienum puto”.

    • Ho voluto usare il termine razzista, innanzitutto perché voleva essere una provocazione. Mi sembra un termine che facciamo fatica, oggi, ad usare verso l’esterno e l’interno come se potessimo essere tutto, ma sicuramente non razzisti, non noi (ma vale anche per il maschilismo). Ed io come “accusatore” mi sono escluso dalle parti coinvolte, come “ente giudicante”, lasciando esprimere come “tutto” una parte di me (quella che conosce i volti). Se poi mi chiedi, penso di non essere esente da varie forme di razzismo e condivido Terenzio e Terzani (che diceva una cosa simile e che ci somiglia tanto di nome). Spesso cerco di sublimare il mio razzismo in modo politicamente scorretto, amplificandolo, portandolo fuori con evidenza e caricando i toni con le parole del razzismo.

      Non voleva essere uno scritto accogliente, ma che muovesse qualche forma di rabbia, tutto qui 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...