Vai

Vai pure verso il mondo

esplorando l’abito della Terra

tu che adorna di nulla

hai mosso quest’oggi il tuo primo passo.

Solo, di tanto in tanto

torna a riposare sotto l’ombrello

arboreo del mio cuore

dove l’ombra chiara rinfresca a tratti

dove il sole trapela

quando si muove un sorriso di vento.

larix_decidua_01072

 

 

 

 

 

 

Giulio

Annunci

Ho ferito chi amo /2

Val Sessera 2017

Ho ferito chi amo.

Non amassi, forse,
chissà, non so
dunque
amare senza?

Ho ferito per rabbia,
per abitudine,
per farti sentire
quanto fa male.

Ho ferito per vedere
se resti, se davvero
puoi
amarmi, anche così.

Ho scoperto che sì:
tu, ma io?

Autunno

2313

Potessi inzuppare il cielo
come un biscotto nel tè
lo farei gocciolare
su questo filo d’erba,
giallo di sole.

Siamo venuti a vedere
l’autunno, marrone
con rosso:
a Milano arriva in gola
a grattare, a chiedere
miele.

Siamo venuti a fare fatica
nelle caviglie,
nelle ginocchia, nel fiato corto
necessario
a ogni passo.

Siamo venuti in salita,
a sentire la sete,
la fame, il sonno
che non puoi rimandare.

Siamo venuti a farci piccoli
tra le rocce e i castagni,
a spingere dentro
l’aria sottile, qui
sopra il nero,
denso di città.

Siamo venuti
a sdraiarci,
a guardare tra i rami
secchi,
a stare fermi,
a pregare la pioggia.

Foto: Gegio

Non abbastanza lontano

 

Mi hai fatto del male
e non me l’aspettavo.

Forse ti ho idealizzato e speravo
in carezze come fai con gli amici
e non che mi “trucidassi”
come fossimo nemici.

Mi hai spezzato il cuore
e, senza far rumore,
mi hai lasciato sola nella confusione.

Mi rimprovero l’ansia, il non aver respirato
e di averti permesso di togliermi il fiato.

Ripenso a me sdraiata sul divano
e a quanto quel pianto non sia ancora lontano…

 

Testo: Filiderba
Foto: Serena

Io e il mare

Ospitiamo su Aironi un’amica, Filiderba 🙂

Ti ho trovato e non riuscivo ad andarmene, mi sembrava di non averti guardato abbastanza
e non riuscivo ad andare via da te e dall’ultima spiaggia in cui avevo scelto di andare.

Solo negli ultimi giorni sono riuscita a spostarmi meno
e starti di fronte.

 

In verità l’ultimo giorno ti ho condiviso con il vino perché non è facile stare sola con te.

Eri il mio ultimo pensiero la notte e il primo al risveglio.
Poi c’erano gli altri.
E che bello fossi tu il primo pensiero e non chi il mare non me lo ricorda più.

 

Influenza

Anche quest’anno
inizia l’autunno e io
a Milano, mi ammalo
stupita, quasi
offesa: ma come,
così, senza preavviso,
con tutte le scadenze,
i lavori da finire!

“Cosa posso fare?”
chiede la mia impazienza
e tu, saggio, pieno
d’amore, dici la verità:
“Niente, aspetti”.

Foto: Nadia Lambiase

 

Dasht-e Kavir

Lo sguardo si allunga ad abbracciare

paesaggi di polvere, pietre, sterpi.

Si allenta la morsa che sentiamo dentro,

siamo superficie e limite,

orizzonte di noi stessi.

Profumo di rose selvatiche portato dal vento.

Come fiori

Solitamente

paragonati ad inutili piante

nodosi

fragili testimoni

dello scorrere del giorno.

Rari fiori di campo

per me, voi

uomini senza casa

senza diritto

senza dimora.

Appassite veloci

alle prime luci del mattino

al primo freddo.

Un altro funerale.

Giulio

Ho ferito chi amo

Ho ferito chi amo.

È stato
facile: avvicinarsi,
aprire la bocca,
spingere fuori
una manciata di parole.

È stato
veloce: in tutto,
credo,
pochi secondi.

E ora che è passato
un giorno
siamo qui,
con gli occhi umidi
a fissare quelle parole.

Cinque parole che stanno.

IMG_8058

Foto: Lisbona 2017

Perché un figlio

Perché un figlio – chiedo
come perché
perché proprio
un figlio, perché?

Beh ovvio: la natura, la biologia,
e poi tutti ormai
adesso, forse
possiamo, non sempre potremo,
per essere felici,
perché più felici con.

Un figlio perché la cultura,
il sistema sociale,
per non morire
accartocciati senza
nemmeno uno sguardo
a fare caldo attorno.

Un figlio perché terrorizza
il vuoto davanti,
per lasciare qualcosa
come scudo
contro il male del mondo.

Un figlio perché i nonni,
la stanza già pronta,
per chiudere la porta
e parlare soltanto
di pappa, cacca, nanna.

Un figlio per tornare bambini,
per crescere ancora,
per aprirci
a terribili cose possibili,
per non pensare
ai sette miliardi umani,
al clima che cambia,
per tenere tutto piccino
dentro a una mano.

Un figlio per avere
una creatura nuova
che esiste,
non dà spiegazioni,
per sentire insieme
fortissima paura e poi
qualcosa di sottile, simile
a una carezza.

Foto: Gegio