di stanza

Nel tracimare dell’ora

il sangue non rapprende,

la falena non si cheta,

sboccia il nasturzio

della nostra stagione inquieta.

Annunci

Non esistono formule magiche

Non esistono formule magiche:
il dottore parla
dell’essere
e del non essere.

Non dice (come altre volte)
forse
dati clinici
la reazione al farmaco
no: adesso è certo.

Non esistono formule:
impossibile isolare
i singoli
elementi (quantità, qualità)
osservare
relazioni stabili
prevedere.

Non esistono formule
e neppure magie
parole
gesti capaci
di fare cose
con i desideri.

Non esistono formule magiche:
restiamo senza
un attimo
lungo, poi
torniamo a cercare.

IMG_7427

Foto: Iran 2017 – Le torri del silenzio

 

Come questi fiori di marzo

IMG_6800Come questi fiori di marzo
a colorare i rami
senza calcoli di rischio
e opportunità
nell’ignoranza del meteo
la perturbazione annunciata

Così sento
espandere
la pelle
che tiene tira tende
e accade
di movimento proprio:
lascio che sia.

Foto: Iran 2017

Le statistiche sono vuote

Le statistiche sono vuote
finché
riempi la tua parte
di tutto, un pezzo
stretto o largo (dipende)
ma per te
intero.

IMG_7362

E’ bianco fuori
non silenzio:
sei con le voci stai
con noi
ti prego
fermati qui.

Foto: Iran 2017

 

Parole incespicanti

Parole incespicanti
incerte nel vuoto
l’attimo instabile
tra punta
e tallone.

Parole che scoprono
per la fatica
di tenere dentro
schiacciata in fondo

una rabbia nuda.

 

Foto: Nadia Lambiase

Denti

Mi sono accorta
di avere due canini
scheggiati
i molari usurati lisci
come pietre
di mare.

IMG_8067.JPG

Ho addentato
il mantello nero
della notte
per tenerlo più corto
impaziente
del tuo risveglio al mattino
quando ascolto e tocco
che ci sei
ancora.

Ho masticato cose
dure
così come sono
crude e taglienti
le ho rigirate in bocca
a consumare smalto
sanguinare gengive
riaprire cicatrici
bianche e vive
come un’assenza.

Ho strappato a morsi
pelle e unghie
giorni d’ansia
da tirare a sera
quando il sole fuori
e i buchi più bui
del poco che mi sento.

Ho triturato
interi bocconi
di non voglio
schiacciati e rivoltati
nello sforzo di sentirli
docili e molli
d’altro impasto.

Arriva però il momento
di deglutire
mandar giù
dentro oltre i denti
con testa e coda
che scivolano
anguilla di fiume
e nel mezzo qualcosa
testardo
rimane.

 

Foto: Lisbona 2017

Perché piangi

fxcam_13466614796302

Perché piangi?
Scusa ti ho svegliato
proprio tu
che domani sarai
a trattenere il respiro
a contrarre la spalla
destra, piango
perché ho sentito Salvini
dire chi muore
non è vivo non c’interessa
perché ho visto il sorriso
odioso di Berlusconi
di nuovo sicuro
piango
perché ho toccato
le pieghe
sulla tua fronte
fatica e commozione
un soffio appena.

 

 

E’ anche che ho aspettato
mezz’ora il tram
stasera, sono stanca ma
un amico parte, un altro
ancora la Svizzera
e un contratto
che lascia aperta la fine.

Scusami, amore, scusa:
non riesco
adesso
a piangere piano.

 

Foto: Islanda, 66° Nordur 2.0

Vai

Vai pure verso il mondo

esplorando l’abito della Terra

tu che adorna di nulla

hai mosso quest’oggi il tuo primo passo.

Solo, di tanto in tanto

torna a riposare sotto l’ombrello

arboreo del mio cuore

dove l’ombra chiara rinfresca a tratti

dove il sole trapela

quando si muove un sorriso di vento.

larix_decidua_01072

 

 

 

 

 

 

Giulio