Beata ignoranza

Quando sono stanca
della densità
dei nostri spigoli, quando
sul tram affollato
uno scroscio di voci,
allora
ringrazio
la mia ignoranza
delle cose animali.

Il canto degli uccelli è per me
musica
senza parole.
Forse questo trillare melodioso
il promemoria
per la dichiarazione dei redditi
e il cinguettio di rimando
un rimprovero rabbioso
per dimenticanze
distrazioni
errori.

Forse, soltanto forse:
posso stare
e non capire.

Foto: Essaouira 2016

 

La tua stanza

La vita, questo palpitare
di cellule permeabili,
non è certo cosa
ordinata.

A volte l’immagino
come la tua stanza:
certo, quegli orecchini
di carta, e i libri, i bracciali
che negli anni
ti ho regalato; però anche
altro, a coprire,
a stare stretto
a mucchi, a stropicciarsi
con gli angoli dei diari.

C’è molto e vorrei,
a volte, fuggire
via, dentro cose
morte:
la prevedibilità
di atomi cristallizzati.

IMG_7225.JPG

Foto: Iran 2017

Meteo

Eppure davano bello
le previsioni del giorno prima
(le più affidabili) sbagliano:
non è possibile sapere
con anticipo
cosa avrai negli occhi
e nelle mani, nella voce.

Avevano ragione, invece:
fuori, nella famosa
“realtà condivisa”
– lì dove le parole dette
le sento anch’io –
c’è il sole.

Allora
vado, rimango
vicina ma
esco: voglio piangere
stretta
in un nodo di luce.

Foto: Valgrande 2016

Breve storia del Tutto – Un racconto fantastico

Hotel del Disinganno

I

Nel cielo una lunga scia di nuvole, simile ad una lama insanguinata dal sole al tramonto, invisibile dietro le case, illuminava di una luce irreale la stradicciola e i pochi passanti.

La sera già volgeva alla notte quando il Signor G., come suo solito dal ritorno dall’ufficio, si fermò in una delle bancarelle di libri usati sotto i portici. Per tutta la vita, sin da piccolo, aveva coltivato un’unica passione: i libri antichi.

A questa passione, purtroppo, poteva dedicare solo pochi soldi, e anche questi non senza sacrificio, messi da parte dal suo magro stipendio di impiegato statale. Così, non potendo acquistare i libri in negozi di antiquariato né tantomeno in aste dedicate a ricchi collezionisti, rovistava spesso fra le bancarelle di libri usati con la speranza che qualche raro esemplare, proveniente dallo svuotamento di una vecchia libreria o soffitta, cadesse dentro la sua piccola e malandata rete di…

View original post 8.060 altre parole

Deserto

Dopo tutta
questa strada sotto il sole,
sull’asfalto rotto,
eccolo: il deserto.

Siamo arrivati ma
rimane lontano, altrove, qui
solo rocce,
arbusti radi e alcuni
sacchetti di plastica
a sventolare come bandiere.

Ancora una terra
conquistata.

IMG_6815

Foto: Iran 2017

Macchina per cinguettio

Hotel del Disinganno

Paul Klee: macchina per cinguettare P. Klee: macchina per cinguettare

Importa forse al cardellino
Se la sua gabbia
Ha graziosi capitelli
E la chiudono inferriate
d’oro cesellato?
.
E meno terribile è il suo canto
Se a dissetarlo
È l’acqua attinta
Da una vaschetta di splendido cristallo?

.

View original post

E’ primavera, mi commuovo

E’ primavera, mi commuovo:
senza sapere
che tempo farà
gli alberi mettono fuori
le loro foglie
più tenere
verde chiaro chiaro
così piccole

proprio adesso
che non sappiamo
quasi niente.

Foto: Hoi An, Vietnam 2016