Le statistiche sono vuote

Le statistiche sono vuote
finché
riempi la tua parte
di tutto, un pezzo
stretto o largo (dipende)
ma per te
intero.

IMG_7362

E’ bianco fuori
non silenzio:
sei con le voci stai
con noi
ti prego
fermati qui.

Foto: Iran 2017

 

Annunci

Meno quattro gradi

 

Per un istante ho sperato che il gelo

cristallizzasse le mie labbra sulla tua guancia,

lasciandoci uniti così

a battere i denti,

morti d’ardore

morti di stenti.

 

Giallo

Mi hai aiutata ad uscire e così ho visto il giallo delle foglie mentre cercavo il calore del sole ad una fermata del tram.

Sono uscita nel giorno più difficile della settimana: la domenica.

La domenica perché è il giorno della famiglia, del pranzo dalla nonna o della chiesa per chi crede. È il giorno dove le mancanze o le rabbie ti inchiodano al divano o ti fanno entrare in una tv.

IMG-20171118-WA0001

foto: Serena

Parole incespicanti

Parole incespicanti
incerte nel vuoto
l’attimo instabile
tra punta
e tallone.

Parole che scoprono
per la fatica
di tenere dentro
schiacciata in fondo

una rabbia nuda.

 

Foto: Nadia Lambiase

Fotografia

c’è  un uomo che aspetta immobile fuori dalla porta un uomo che questa sera non gli aprirà.

c’è un altro uomo che trova riparo in cortile e nell’alcol.

questi due uomini non hanno un tetto, li vedo spesso in zona e li osservo, ma loro non sanno di me.

guardo in alto dove so che c’è un altro uomo che ha trovato una donna che si prenderà cura di lui.

è per me necessario essere presente e aprirmi per vedere storie, è necessario guardare altrove per sperare in altro o distrarmi.

foto: Serena

IMG-20171118-WA0003

 

 

 

 

 

 

Fumo

Il mio cuore accelera ogni volta che ti sento e la mia temperatura sale.

io fumo mentre i tuoi polmoni bruciano.

sei delle urla in ospedale con la tua solitudine che ti inchioda in una verde astanteria.

non sei padre ed io non sono figlia.

sono figlia e tu sei mio padre.

WP_20180206_21_44_06_Pro

 

Denti

Mi sono accorta
di avere due canini
scheggiati
i molari usurati lisci
come pietre
di mare.

IMG_8067.JPG

Ho addentato
il mantello nero
della notte
per tenerlo più corto
impaziente
del tuo risveglio al mattino
quando ascolto e tocco
che ci sei
ancora.

Ho masticato cose
dure
così come sono
crude e taglienti
le ho rigirate in bocca
a consumare smalto
sanguinare gengive
riaprire cicatrici
bianche e vive
come un’assenza.

Ho strappato a morsi
pelle e unghie
giorni d’ansia
da tirare a sera
quando il sole fuori
e i buchi più bui
del poco che mi sento.

Ho triturato
interi bocconi
di non voglio
schiacciati e rivoltati
nello sforzo di sentirli
docili e molli
d’altro impasto.

Arriva però il momento
di deglutire
mandar giù
dentro oltre i denti
con testa e coda
che scivolano
anguilla di fiume
e nel mezzo qualcosa
testardo
rimane.

 

Foto: Lisbona 2017