Scirocco

È la mia terra, di odori secchi e colori bruciati.
La montagna in fondo ci cinge le spalle accompagnandoci per ogni percorso.
Il profumo di pomodori e carne combinati nelle case aperte sulla strada, il legno violentato dalla luce sulle porte.
La ricerca di un sollievo sociale.
È un eterno pomeriggio di sole sibilante.
Anime nere di un mondo fatto di una morte così compiuta, così perfetta, da essere principio di una vita silenziosa.
La strada è una lingua di fuoco grigio, scintille rombano nell’eterno pomeriggio.
Soffia un vento d’Africa che nega il respiro dell’aria sulla pelle, porta acqua da dentro i corpi.
Sono tornato, come sempre, alla terra bruciata dei padri.

Gianmarco

Annunci

Questa e’ comica

Una delle pime cose che mi hanno chiesto e’ se veramente, quaggiu’ in Tasmania, l’acqua gira dalla parte opposta nel vater. La domanda mi lascia perplesso, in principio perche’ non ho mai fatto caso, in 26 anni di vita, come scorra l’acqua nel vater in genere, specie di casa mia a Trento, in secondo luogo perche’ non mi sembra interessante, con tutto quello che c’e’ fuori casa, chiudermi nel bagno a fare esperimenti con lo scarico del lavandino e constatare come giri l’acqua, per come si dice, di questo proprio non me ne puo’…

Giacomo