La recensione di sé

Come si può tradurre il concetto di foursquare? Partiamo dall’antropologia urbana: le mie origini si situano in un agglomerato umano della provincia di Catania, Sicilia. C’è un punto della città dove si incrociano ortogonalmente due vie che attraversano la città da nord a sud e da est a ovest. Questo punto viene chiamato quattro canti e rappresenta il punto di incontro primitivo, originario, minimo fra le vite; il centro, anche non geometrico, della città: tutto si situa intorno e in relazione a esso, lo zero di un immaginario piano cartesiano. Questo avviene spesso in piccoli centri urbani ed è un’esperienza importante che ha a che fare con la conoscenza dei luoghi e con il contrasto all’indifferenza fra le presenze umane nei luoghi. Dalla criminologia all’educazione domestica alla fisica, tutti lasciamo delle tracce, dei segni di quello che facciamo: sono indizi, polvere e impronte, reazioni alla nostra semplice azione del vivere. Quello che manca è la consapevolezza dei contesti delle nostre azioni più routinarie, la collocazione. Strumenti come Facebook e Twitter ci permettono di condividere l’azione, ma non necessariamente di condividerne il dove. Lo scollamento fra le dimensioni del cosa, dove e quando rende il tutto un po’ sterile o, alla peggio, isterico. Ecco che nasce un luogo che racchiude tutti i luoghi delle nostre azioni, Foursquare per l’appunto, attraverso il quale permettiamo (imprescindibile atto di volontà, la concessione all’Altro) ad altri di sapere dove-siamo-quando-facciamo-cosa, di ricostruire i nostri percorsi e constatare la profonda ironia della scoperta di vivere gli stessi luoghi senza mai incrociarsi: ciascuno lascia una traccia di sé per gli altri, offre una descrizione di sé attraverso i luoghi che più gli appartengono. Abbiamo iniziato condividendo il pensiero (A cosa stai pensando? di Facebook), le notizie (Twitter), i gusti musicali e l’udito (il sempre più abbandonato Last.fm); sulla via della condivisione ora si situano anche il dove (Foursquare) e il senso della vista (Miso, ma ne parleremo un’altra volta). Di cosa si tratta se non di una specializzazione settoriale della condivisione? Ciascuno di questi strumenti si focalizza su una dimensione del sé espressivo; combinati, non hanno niente di diverso da un blog classico in cui ci si racconti in maniera estesa. A questo punto, è solo una questione di scegliere come offrirsi agli altri e cosa divulgare di sé. Non se ne può fare a meno, tutti lasciamo tracce di quello che siamo, facciamo, calpestiamo.

Gianmarco

Senza canditi

Da secoli l’antropologia culturale rileva un fenomeno la cui dinamica è singolare e per lo più sconosciuta: a cadenza annuale, presso numerose popolazioni del globo, si assiste ad un curioso assembramento di clan in concomitanza con i giorni del 24, 25 e 26 dicembre. Durante queste assemblee si consumano lauti banchetti, si riallacciano i contatti con membri del clan con i quali, durante l’anno, non si hanno avuto contatti, e ci si scambia dei doni. Nella stessa occasione, si ha la possibilità di risolvere vecchi conflitti o crearne di nuovi. Antropologi e sociologi ipotizzano si tratti di una drammaturgia ricorsiva, vale a dire un rituale che una comunità svolge, ma è ancora oscuro il fine di questo drama – nel senso di performance – collettivo. Numerose ricerche hanno permesso di rilevare, per questo particolare fenomeno, il nome di Natale (nei rispettivi idiomi), e si ipotizza un legame con certi sistemi di credenze molto diffusi a livello globale, ma una branca delle scienze sociali è più orientata a considerarlo un fenomeno correlato allo spirito del capitalismo e alla globalizzazione degli stili di vita. Il carattere rituale e drammatico del fenomeno rivela all’occhio dell’osservatore sociale diverse criticità che riguardano, in prima istanza, il senso che questo incontro può avere per i partecipanti, in un’ottica futura. Il rinnovo dei contatti, persi o non coltivati nell’intervallo fra un Natale e il successivo, non sembra avere un’intensità tale da creare presupposti per la ripresa futura dei contatti, e questo potrebbe dipendere dalla consapevolezza che i partecipanti hanno della ritualità del fenomeno stesso – si aspetta il prossimo Natale, che sembra concedere l’indulgenza per il mancato rispetto degli standard comunicativi intra-clan. Lo stesso utilizzo massiccio del cibo come elemento simbolico, o meglio la convivialità come culto del clan, e lo scambio di doni, simile a quello delle popolazioni antropologicamente significative, potrebbero rappresentare una chiave di interpretazione del fenomeno “Natale”, ma gli studiosi, a dirla semplice, ancora brancolano nel buio.

Gianmarco
27 dicembre 2320