Parole in musica

Chi parte, come chi arriva, non è in nessun luogo. Non più là e non ancora qua. Non ancora là e non più qua.
C’è chi parte con lo sguardo pieno di domande: arriva per cercare una risposta.
C’è chi parte convinto di conoscere le risposte. Sembra non cercare nulla, ma spesso non è così: cerca una conferma. Parte per arrivare e dire “Avevo ragione”.
C’è chi parte senza sapere che cosa lo spinge a partire, e forse arriva per cercare le domande. Domande che lo faranno partire di nuovo, per cercare una risposta.
Infine, c’è chi parte con il vuoto dentro: niente domande, niente risposte. Una pagina bianca su cui non è neanche certo che si scriverà qualcosa. Magari una pagina che diventerà una pallina stropicciata. E poi sarà presa a calci dai bambini durante la ricreazione. Così, per gioco. Apertura totale, nessuna possibilità esclusa.
Sono questi i viaggiatori che partono e arrivano davvero?
O forse chi parte e chi arriva per davvero è chi sa essere a volte interrogante, per far parlare la realtà, a volte giudicante, per prendere posizione, a volte confuso, per potersi godere la chiarezza, a volte accogliente, per comprendere.

Arianna