Il cimitero di Edolo

C’erano i fiori, sì

ma i muri erano morti.

Non una metafora

ma cataste di bare

fatte di morti.

C’erano lapidi

e la terra di sotto

anche quella era morta.

Così i volti e le date,

i riassunti essenziali.

Leggo una frase:

“tu che passi

fammi un sorriso.”

Sorrido, anch’io passo.

Giulio

Annunci