La caduta

Seduta sul divano mi guardi
con occhi dal passo incerto,
incespicanti,
chiedi
Sono caduta come cadono i vecchi,
sono vecchia?
Domandi e affermi,
cercando di colmare
quel tratto di futuro sdrucciolevole:
spazio vuoto, gradino, inciampo
Annunci

La caduta dei corpi

IMG_2235Per tutti quei corpi che,
un giorno, caddero.

Può accadere che un corpo cada. Che una gamba scavalchi, poi l’altra, poi non so, se subito, o se un attimo, e poi.

In ogni caso, non passa molto, e il corpo comincia a cadere, cioè a trascorrere qualche secondo nell’aria, con l’aria sopra, di fianco, davanti e dietro (normale) e pure sotto, dove di solito ci sta il pavimento. Durante la caduta i piedi poggiano sull’aria. Ma dura pochissimo, il tempo d’uscire da una stanza, forse chiudere la porta (o neanche) ed entrare in un’altra.

Poi si sente un tonfo.

Si corre, si guarda, si constata: il corpo è caduto.

La caduta, però, non ha fatto rumore. Solo l’atterraggio, lo schianto, il passaggio dall’aria sotto all’aria soltanto sopra, di fianco, davanti e dietro, con sotto l’asfalto: solo quello s’è sentito.

Mi chiedo quali segni la caduta (quei secondi con l’aria sotto)  lasci sul corpo. Quando c’è stato l’asfalto, sotto i piedi e non solo, il segno si sa, si vede.
Ma prima?

Arianna

Gravemente

Vaglielo a spiegare, ai fisici, che la forza di gravità avrebbe dovuto annullarsi, e tenerti sospeso, cullarti un poco a mezz’aria, magari portarti (che so?) al mare o, meglio, in montagna. Farti prendere una vacanza, di quelle che – dici – non ti prendi mai. Ma la fisica non conosce eccezioni e la gravità, come sempre, ha fatto il suo dovere: sei caduto.
Sei caduto e non c’era nulla di morbido, l’asfalto che graffia, sei caduto. Non c’erano due braccia pronte ad acciuffarti prima che, due braccia più forti di tutto il dolore che hai visto, più forti della tua – perdonami – incoscienza. Più forti del dolore che adesso anche noi, con te prima, e poi ora.

Torna.
Se torni, ti prometto che si fa finta di niente: si ride, come prima, e non se ne parla più.

Arianna