La sfera delle possibilità

Destra sinistra.
Sopra sotto.
Avanti dietro.
L’uomo vive dentro una sfera. La sfera dei suoi movimenti, lo spazio che può occupare muovendosi, saltando, inchinandosi, stiracchiandosi, la sfera delle possibilità dei suoi gesti nello spazio che lo circonda.
Non è una sfera immaginaria, essa esiste ed è percepita.
Nelle arti marziali è ben conosciuta, ed entrare in quella di un avversario vuol dire entrare a portata dei suoi colpi. La si percepisce addosso, come una vibrazione.
L’uomo irradia irrimediabilmente la sua sfera attorno a sé, e lo fa tanto più ne è consapevole.
Se la possibilità di movimento del corpo crea una sorta di vibrazione che emana dallo stesso ed è realmente percepibile, come toccare una penna, pensate a quanti altri tipi di energia che vengono emanati da un corpo, da una mente, da un’emozione, da un pensiero, da una focalizzazione mentale.
Abbiamo davvero un’infinità di modi diversi con i quali interagire con ciò che ci circonda. Mi dispiace solo non conoscerli già tutti, sebbene sia davvero entusiasmante pensare di poterli apprendere.
Basta volerlo.
Con intensità.

 

Giacomo

Annunci