karma?

20110903-004007.jpg

Forse non sono così…dotto per parlarne, però devo ammettere che se il karma esistesse e avesse le sue leggi davvero la loro conoscenza varrebbe tutto l’oro del mondo.
Forse mi sbaglierò, ma ogni volta che qualcosa non funziona come dovrebbe non posso fare a meno di chiedermi quale strana ruota di causa-effetto ho avviato senza rendermene conto o a quale io stia partecipando inconsciamente, chi ho fatto soffrire, quali mie azioni, paure, emozioni possono aver ingenerato tutto questo dolore, ferita che provo o che ho fatto provare. E quando mi riconosco causa o fautore del probabile innesco non posso fare a meno di addolorarmi profondamente.

Giacomo

Annunci

Breviario del dissacratore

L’elemosina è dare dei soldi a qualcuno che ne manifesta il bisogno. Nel canone, a fondo perduto. Io invece non voglio fare l’elemosina per farla, ma come investimento. Quando mi chiedi delle monetine le ramificazioni quantistiche dell’evento elemosina sono molteplici: ti ci comprerai del cibo? O una dose? Un libro? Li metterai nella cassa di famiglia? Io non lo so. La verità è che non ci possiamo divincolare dalla catena delle cause e degli effetti. La mia cosiddetta buona azione può avere una cattiva re-azione, il motore della sequenza – la mia moneta che cade nella mano questuante – può innescare un meccanismo che si allontana dalla originaria bontà dell’azione. Certo, la mia anima sarà più salva della tua, secondo i dettami della religione – che si rivela così fondata su una salvificazione del tutto egoistica, individualistica (e poi parlavano dell’etica protestante…), ma non garantirò la salvezza della tua, agendo così nel modo più lontano possibile dal buon cristiano. Così la carità è smascherata e dissacrata.

Gianmarco, Dissacro e Profano
Ateologo italiano