5 colloqui di servizio civile

Approssimativamente l’anima

tra questa e l’altra sponda

tuo padre già svanito

sepolto nel Mediterraneo

(il nuovo mare dei cadaveri

la ferita che l’Africa mai ricuce

la violenza che l’Europa mai risana)

quel tuo curricula perfetto

il primo impiego a dieci anni

e l’italiano così incerto

tra i corsi e l’emozione.

 

Ed ora col tuo viso pulito

chiudi gli occhi

seduto nell’involucro metallico

cuore di lamiera

cuore di container

dove in tredici hai vissuto

sofferto, sperato, trovato

l’incommensurabile forza degli occhi

aperti ora

come braci sul mondo

 

ed ancora tua madre

quella che chiami fragilità

per non chiamare pazzia

quelle occhiaie lunghe di troppa

erba

troppo metal

troppa vita che scorre

dalle mani alla chitarra

il fiore degli anni

il fiore della sofferenza

due fiori recisi.

 

La giovinezza del tempo presente

l’insostenibile attesa di un lavoro

teoria smisurata all’università

gli occhiali e le mani sudate

la speranza di un impiego

pagato poco, pagato

però

tu che aduso ai tirocini

lanci gli anni come sassi

in attesa del giusto che non viene.

 

Infine il lavoro nei campi

la sicurezza ostentata

la tua giovane forza dell’est

a raccogliere mele perfette

cosi buone – in verità

cosi ingiuste – in verità

anche tu senza casa

anche i tuoi ventidue anni confusi

nella folla

degli universitari allo sbando

nonostante il cellulare

nonostante la camicia.

Giulio

Annunci

Chi deve fidarsi di chi? Questione colloquio di lavoro

Postulato:
E’ sconsigliato chiedere quanto sarà la paga in sede di colloquio.
Domanda:
Quanto prendo?
Domanda sbagliata!
Devi fidarti di loro, firmare e scoprire la paga dopo il primo mese. Questo devi fare. Un’operazione di fiducia, perchè:
1) il lavoro non lo sai fare o non esattamente come ti viene richiesto
1bis) dovrai imparare a fare quello che ti richiedono
2) per i primi mesi sarai solo un costo, una palla al piede per l’azienda
3) è già tanto se ti pagano
4) non è il caso di chiedere nulla per i primi tempi, soprattutto in colloquio. E’ già tanto se ti danno un posto di lavoro. Al colloquio stai zitto e dì di sì e che ti va bene tutto.

Postulato:
In sede di colloquio il datore di lavoro spiegherà esattamente il salario
Domanda:
Perché lavorare per questa azienda?
1)Perché io lavoro solo per il salario e cazzo finalmente ho trovato qualcuno che mi fa vedere cosa sto accettando. Termini definiti chiaramente.
2)Esiste solo un semplice interesse commerciale: io ti servo per il lavoro, te mi servi per il salario, se i nostri interessi non collimano è giusto saperlo prima.
3)Eliminato il dubbio di prendere fregature, so esattamente a cosa vado incontro e sono messo nella reale capacità di valutare se è di mio interesse. Nel momento in cui scelgo sarò sicuramente più convinto, e ci saranno sicuramente meno “sorprese”.

Riflessione finale e domanda per i cari lettori:

Deve essere il dipendente prima a fidarsi dell’azienda o l’azienda a fidarsi del dipendente?
Deve essere il dipendente a far finta di non essere là solo per i soldi o deve essere chiaro fin dal principio?
Chi deve conquistare chi? L’azienda il dipendente o il contrario?

Io credo che dovrebbe essere l’azienda a “fidelizzare” il dipendente, dargli fiducia dal principio e instaurare un rapporto commerciale-lavorativo chiaro e trasparente dall’inizio. Queste sono le richieste di lavoro, questo ti verrà pagato. Noi ti assumiamo correndo il rischio, e te ci lavori bene e con impegno. Credo che prima di fidelizzare i clienti occorra fidelizzare il “capitale umano”, investire sui lavoratori, in formazione e quant’altro, per farli sentire indispensabili per l’azienda, con la certezza che non si ritroveranno sulla strada il giorno dopo, per gratificarli, e ottenere così il perfetto dipendente che lavora per te come se fosse sua l’azienda, che ha piacere nel lavoro che fa e lo svolge con impegno, con intenzione di migliorare. Occorre creare nel dipendente una sensazione di “sentirsi in debito” con l’azienda, solo in questo modo si potrà affermare che è conquistato e farà esattamente ciò che gli chiedi, senza bisogno di controllare, nella piena e totale fiducia. Suona come un’utopia, ma ci sono già aziende con questa mentalità. E’ più reale di quello che credete.

Voi cosa dite?

Giacomo

Il gran rifiuto

Gentili Selezionatori/trici,

vi scrivo per comunicarvi che non parteciperò alla giornata di Assessment.

Potrei inventarmi una scusa, ma penso che una delle due parti debba pur essere sincera: non parteciperò perché penso che ci sia qualcosa di profondamente sbagliato in tutto questo.

Credo che la dinamica di gruppo sia una metodologia, seppur valida in taluni contesti, abusata. Vi basterà fare un giro per il web per scoprire che in un certo senso non ingannate più nessuno: è conoscenza diffusa che è privilegiato nella selezione chi è già allenato a sostenere questo genere di “colloquio”, ossia chi si rivela, per semplificare, il più simpatico nelle ore in cui, di solito, viene chiesto di sopravvivere nel deserto o di convincere gli altri a buttarsi dalla mongolfiera. Spesso le competenze o il curriculum o le motivazioni individuali passano in secondo piano, nel migliore dei casi.

Com’è possibile allora valutare l’idoneità di qualcuno attraverso la sua capacità di fingersi un altro per compiacere i rigidi schemi comportamentali di cui vi avvalete?

È completamente diverso il comportamento di una persona in un gruppo di sconosciuti con i quali è costretto a collaborare nel giro di venti minuti o di poche ore, sconosciuti che sono l’uno contro l’altro nella competizione, rispetto al comportamento della stessa persona in un vero gruppo di lavoro che si stabilisce fra chi è già collega. Per questo credo che il colloquio individuale, in cui il singolo ha lo spazio necessario per presentare se stesso, offrendo allo stesso Selezionatore la possibilità di conoscere a fondo chi ha davanti, rimanga ancora lo strumento migliore.

D’altra parte il problema è sempre lo stesso: c’è chi è dalla parte giusta della scrivania, e chi dalla parte sbagliata, meno garantita.

Parlo di garanzia anche in relazione alla vostra specifica offerta. Se solo ci fosse un’autorità garante della correttezza delle offerte, avrebbe da ridire su uno stage, l’ennesimo stage formativo, che offre un rimborso spese del genere, ridicolmente inutile e limitativo della libertà individuale di coltivare una qualche progettualità, per un periodo così lungo. In questo modo non fate altro che confermare l’opinione diffusa secondo la quale anche lo stage è diventato una forma di occupazione riservata a chi se lo può permettere, ossia a chi ha qualcuno che gli copre le spalle economicamente, nello specifico la famiglia, se non addirittura un altro lavoro: nella telefonata di conoscenza che ho ricevuto, mi avete chiesto di cosa mi occupassi attualmente, e alla mia risposta: niente, sono inoccupato, ha corrisposto un lungo silenzio da parte del mio interlocutore. Di cosa si trattava? Della sorpresa? Forse anche voi, nel profondo, sapete che se qualcuno si candida per la vostra offerta o lo fa per i soldi o per fare qualcosa, o credete realmente che ci sia una forte motivazione ad apprendere l’arte del taglio delle teste?

Sono passato spesso presso agenzie come la vostra, e ho sempre riscontrato lo stesso atteggiamento: non sembrate lavorare per chi si presenta da voi in cerca di una mediazione fra sé e il mercato del lavoro, in cerca di un facilitatore; lavorate “solo” per i committenti, e non sapete cosa farvene di curricula particolari che liquidate con un non è collocabile, salvo offrire mansioni che con il curriculum che avete davanti non hanno niente a che vedere. Sperate così di mettervi a posto la coscienza, ma d’altra parte il problema non è vostro, siete dalla parte giusta della scrivania, se alla persona di turno non piace l’offerta, il problema è suo: è colpa sua se non trova lavoro, se dopo varie esperienze lavorative e cinque anni di università e un master non vuole andare a piegare i calzini in un negozio di abbigliamento o a vendere abbonamenti internet alla Stazione.

So benissimo che vi trovate nella scomoda posizione di recepire le offerte che effettivamente emergono da questo immobile mercato del lavoro, e che non potete andare a caccia di offerte diverse da proporre a chi, in cerca di un posto nel mondo, richiede il vostro aiuto pensando di trovare la professionalità e scontrandosi invece con il mero interesse di far cassa.

So anche che, nella vostra mentalità, tutto quello che ho scritto fino ad ora verrà cestinato sotto la categoria “altezzosità”, d’altra parte a voi interessa solo il meccanismo del mercato del lavoro, e le persone, le loro individualità e peculiarità sono solo elementi di disturbo. Per voi un rifiuto è un oltraggio alla vostra buona volontà, così che siamo stati privati anche del diritto di scegliere: dobbiamo accettare qualsiasi cosa. Ma se c’è un Sistema, questo non offre niente in base alle nostre necessità, bensì in base alle sue e a noi non resta che scendere al compromesso con noi stessi, ma solo noi dobbiamo essere flessibili. Si chiede flessibilità solo alle persone, non al Sistema.

Come me, anche altri credono ancora che si possa cercare il posto nel mondo che più fa per noi, che si possa rifiutare, senza sentire di aver offeso chi ce l’ha offerta, una opportunità che abbiamo valutato come non adatta a noi.

Vi ringrazio comunque per avermi contattato, e per il tempo che mi avrete concesso, se me lo avrete concesso, e vi auguro di trovare le persone giuste per i vostri progetti.

Cordialmente

Gianmarco

«Poscia ch’io v’ebbi alcun riconosciuto,
vidi e conobbi l’ombra di colui
che fece per viltade il gran rifiuto.»

(Dante Alighieri, Inferno, III Canto)

 

Florence and the mystical machine gun

I’m weirdo
What the hell am I doing here?
I don’t belong here

(Radiohead, Creep)

Io odio Firenze. Non mi piace, la trovo un ammasso di vie e palazzi, arte buttata lì a cataste, pronte a bruciare sotto i flash calorosi di freddi e macchinosi turisti d’assalto. Eppure, ieri sera mi sono trovato a Firenze, avendo stamane un colloquio di selezione eccetera. Ho raggiunto l’ostello, ho sistemato le mie cose, e mi sono deciso a fare un giro della città. Da solo, completamente da solo. Percorrendo una delle tante viette, ho optato per un salto nella piazza del Duomo. Visto: un battistero che si para come una fortezza davanti alla chiesa. Enorme. E vabbé, fa arte. Nel frattempo cercavo un posto dove mangiare qualcosa, senza essere spennato, ché l’oca padovana l’ho già fatta. Così giravo, forte del mio nuovo copricapo che mi rende simile ad un brigante della Sicilia d’altri tempi, per ciottolati e pavé. Alla fine sono entrato in un Sushi Bar, di quelli che ti siedi davanti al bancone della cucina e fanno tutto in diretta; freddo, allora zuppa di miso per scaldarmi e qualcosa che suona come cosomaki sake maki bau bau, c’era del salmone. Bene, poi era ancora presto e allora ho mandato dei messaggi alle mie fonti e ho chiesto: “cercare locali gay zona Duomo a Firenze”. La più celere fonte mi ha sciorinato una lunga sequela di nomi e indirizzi, dei quali ne ho individuati un paio e lasciamo perdere. A chi la do a bere? Non si va da soli nei locali, e poi io domattina ho un colloquio, e anche se ci andassi, cosa farei, un vodka lemon solitario al bancone? Meglio rifugiarsi nell’irish vicino all’ostello, penso, due birre e a nanna, nella solitudine. Ma continuavo a cercare le vie della lista, speranzoso di trovare qualcosa che non mi facesse regredire alla timidezza delle medie. Ho trovato il bar dell’Arcigay: l’entrata sembrava quella di un sexy shop, stesso genere di simulazione, lascio perdere. Gli altri sono lontani, o dalle informazioni che mi arrivano troppo scicchettosi e da rimorchio. Io voglio gli intellettuali, le famiglie di fatto, voglio la bettola gay. Mi rifugio al’irish (ormai conoscendo a memoria quelle vie dall’ostello al Duomo). Complimenti per la bettola, ho pagato una Kilkenny tanto quanto la mia intera cena. In più uomini mediocri guardano ventidue uomini seguire un pallone mangiando patatine e bevendo cose (gli uomini, non i giocatori). Io mi rintano, bevo la mia ed esco. La città è troppo fredda, e io odio tutta questa solitudine. Rifletto sul perché non possa fermarmi in un luogo e basta, e sul perché il calcio sia considerato uno sport interessante. Penso che non mi sentivo così solo dai tempi di… L’utero? Non so, questa mattina mi sono svegliato presto, ho fatto una pessima colazione con caffé annacquato e sono uscito alla volta del selezionatore. Penso che non mi sono sentito così solo dalla sera prima.

Dove appartengo?

Gianmarco