Cartoline da ChefChaouen

La prima volta che ho raggiunto Chaouen proprio no, non me l’aspettavo. Avevo già visto un souq, avevo già sperimentato il labirintico mondo di ciabattini, verdurai, speziali, panettieri che contraddistingue la medina marocchina. Ciò che non mi aspettavo era l’azzurro. Chaouen è il suo colore, i suoi toni d’azzurro dipinti l’uno sull’altro. Dietro a quei toni si nasconde una storia di popoli diversi, di religione, che non ricordo bene.

( … segue )

Giulio + Blekaut