Passione per insegnare o passione per la materia insegnata?

Ci sono due qualità importanti per un insegnante: la passione per la materia oggetto di insegnamento e la passione per la didattica, ovvero per l’insegnamento in quanto tale. Detto questo ci sono 4 tipi di insegnanti, quelli che non possiedono nè l’una nè l’altra, quelli che ne possiedono solo una, e quelli che le possiedono entrambe. Direi però, se volessi scremare, che la passione per l’insegnamento e la didattica è il prerequisito per questo lavoro, in quanto essa, essendo la passione per la professione esercitata, è il punto di partenza, fondamenta solide per questa carriera. Mi dispiace un po’ che oggi, questa passione, non venga considerata più di tanto, nè ai colloqui, nè ai test od esami abilitanti, sebbene gli studenti possano indicare con estrema precisione quali sono gli insegnanti che ne sono dotati. Non saprei fare statistica, nemmeno ad occhio, su quanti siano i docenti carenti di tali passioni, so per certo però, che averle entrambe, equivale ad essere un grande insegnante, un grande Maestro.

Giacomo

Annunci

Il sapore del maestro

Il maestro trasmette il suo sapere, ma anche il suo sapore.

Il sapere nutre: il maestro sa qualcosa.
Il sapore rende unico, inconfondibile ciò che nutre: il maestro sa di qualcosa.

Il sapere lo trovi presso i sapienti: sanno più di te.
Il sapore lo trovi presso i maestri: sanno, e sono più di te.

Il sapiente insegna ciò che sa.
Il maestro insegna ciò che sa, ma soprattutto ciò che è.

Il sapiente è il cioccolato: ti dà energia.
Il maestro è il cioccolato aromatizzato: ti dà energia, ma quel che resta  – e per molto tempo ancora – è l’aroma.

Le parole che pronuncerai saranno tue; il loro sapore, invece, quello del maestro.

Arianna

 

Ringrazio Ele per le preziose informazioni relative al cioccolato aromatizzato
(quello buono, artigianale)