Insieme 1 e 2

Insieme 1

Legati nel cuore.
Come i rami del faggio
all’abete intrecciati
come un’alba al tramonto
o le foglie d’autunno
a riposo sul prato.
In questo e altri cicli
e per sempre vicini.
Indivisibili.

Insieme 2

Legati nel cuore.
Come i rami del faggio
all’abete intrecciati
come il crepuscolo e l’alba
o le foglie d’autunno
riunite sul prato.
Per sempre vicini
in questo e altri cicli.
Indivisibili.

Queste poesie, sono la stessa poesia. La seconda è la poesia originale scritta circa un annetto fa, la prima è una poesia revisionata oggi. La mia domanda è: sono uguali secondo voi? Le immagini hanno lo stesso effetto? Il ritmo è lo stesso? Cambia qualcosa a livello di sensazione? Tutto il cambiamento è a livello metrico nei versi centrali. Ha senso un cambiamento di questo tipo?

Grazie! Giulio

Pallacorda

Quotidianità non vuol dire necessariamente passare tutti i giorni insieme, o vivere insieme, ma avere la sensazione, quando si sta insieme, di averlo fatto l’ultima volta il giorno prima.

***

Alla fine l’età è un concetto labile, ormai. Oltre a essere sfaccettato fra anagrafico, biologico, storico e via dicendo, ha una dimensione puramente giornaliera. Tipo che uno dice: «Oggi ho 50 anni» e il giorno dopo può averne anche 18. Tutto è in questo.

Gianmarco

Tu sei più vasto e lo comprendi

Lo annusi, è l’insieme materia
il colore solido della forma,
l’aria di ciò che ti circonda,
è grande immenso ma piccolo
che lo senti, là in fondo, di contenerlo.

Contener il mondo, sottoinsieme
di questo e di quello,
è tutto ma c’è dell’altro
sebbene non lo sai ma lo senti,
ci scommetti, tu sei più vasto e lo comprendi.

Giacomo

Insieme

.

.

Legati nel cuore,
come i rami del faggio
all’abete intrecciati,
come il crepuscolo e l’alba,
o le foglie d’autunno
riunite sul prato.
Per sempre vicini
in questo e altri cicli.
Indivisibili.

.

.

Giulio

Dipinto di Elisabetta Bernardi (2010)