L’importanza della sanzione sociale

“In Germania sì che le persone sono educate, mica come da noi in Italia… siamo proprio un popolo di incivili”
“Roma, Napoli, ma anche tanti quartieri di Milano fanno schifo: le strade sporche, piene di rifiuti… eh ma del resto gli italiani sono così, non c’è niente da fare”
“Ah ormai è impossibile leggere sul tram o sul treno: le suonerie degli smartphone a tutto volume, e poi la gente urla al telefono!”.

Naturalmente il parlante si sente sempre escluso dalla categoria degli italiani incivili e maleducati. Eppure: perché resta indifferente quando assiste a comportamenti che ritiene dannosi? Per paura del conflitto, per sfiducia nella possibilità di cambiare lo stato delle cose?
Credo nella sanzione sociale: se le persone che si lamentano dei costumi nazionali nel privato esprimessero la propria indignazione ai diretti interessati, i comportamenti scorretti diminuirebbero.

“Scusi, perché lo sta buttando per terra? C’è un cestino a pochi metri…”
“Scusate, perché sputate proprio qui alla fermata del tram? Non è bello camminare sugli sputi… potreste sputare sulle rotaie, almeno!”
“Scusi, può utilizzare le cuffie se guarda il video sul telefonino?”
“Scusi, può abbassare la voce?”

“Certo, come no, il miglior modo per farsi insultare, e magari anche aggredire!”
A volte gli insulti arrivano, è vero, a volte no.
Val la pena tentare.

Annunci