La casa del mastro vetraio

Divorata dai balconi

di grandi condomini

c’è la piccola casa

immobile,

viva eppure…

con il suo incubo notturno

di muri in rovina

e ferri sventrati,

ogni notte

per tutte le epoche.

La finestra è velata

da un brivido di condensa,

da un terremoto umido

fatto della sostanza dei sogni;

dentro però dorme sereno

il soffiatore d’anima

con la fucina e il suo vetro

nella canna come un flauto

canta le note e consola

la sua piccola casa.

Giulio