I parenti e i serpenti

Scena 1
La mia coinquilina ha 24 anni e un debito di 30 000 euro, che dovrà rimborsare a partire da ottobre. Si è laureata, ma non ha ancora trovato lavoro. E’ preoccupata: “Qualsiasi cosa succeda, da ottobre dovrò dare alla banca 600 al mese… ti rendi conto?”
“Eh, insomma…”
“Ma sai qual è la cosa che mi fa più rabbia?”
“…”
“E’ che avrei potuto evitarlo!”
“Ah sì?”
“Sì, perché mio padre non avrebbe avuto problemi a pagare le tasse universitarie… e invece ha preferito che mi indebitassi”.

IMG_2141

Scena 2

Un amico maliano mi confida che quest’anno non tornerà in Mali, perché non se lo può permettere.
“Eh, immagino che il volo costi parecchio…”
“Mah, alla fine neanche più di tanto… non è certo quella la spesa maggiore”
“…?”
“Beh, la spesa più grossa è quella per i regali. Quando si torna, bisogna fare dei regali a tutti”
“Intendi alla famiglia?”
“Sì, alla famiglia. Ma da noi la famiglia non finisce mai…”

Arianna

Foto: Provenza 2013

Annunci

Povera rabbia

ostacolo sormontabileOk, le cose sarebbero potute andargli meglio. Tutto sommato, però, non se la passava male. Neanche bene, d’accordo, ma sarebbe potuto stare peggio. Si può sempre stare peggio, no? No, questa forse era una cazzata. Però nel suo caso era vero: sarebbe potuto stare peggio.
A volte, di nascosto, se lo augurava: stare peggio, per essere finalmente in diritto di sfogare quella rabbia che gli montava dentro, da parecchio tempo ormai, e poi se ne stava lì, incastrata tra i pensieri, e l’affitto da pagare. Sempre a inizio mese, poi. Ma chi glielo assicurava che ci sarebbe arrivato, al fondo di quelle quattro, cinque settimane?
Quattrocento euro mensili non sono tanti, non bastano per starci dentro, inutile starsela a raccontare. E la rabbia montava, la sentiva in pancia, nelle vene delle gambe, tra i denti. Ma coi tempi che corrono… quante cazzate! I tempi, quelli se ne fregano, a correre sono sempre gli sfigati che s’arrabattano tra un lavoretto e l’altro, si sbattono di qua e di là con un piano B sempre pronto in testa: “Faccio domanda per ‘sto bando, così se non mi rinnovano il contratto ho le spalle coperte per altri tre mesi. E se poi mi rinnovano il contratto, alla peggio rinuncio”.
Non riusciva a rilassarsi, gli rimproverava il suo amico Fili, dall’alto del suo contratto a tempo indeterminato. E la rabbia montava, più furiosa. Furiosa? Sì, furiosa. Ma anche triste. Non c’era una logica, un senso alla base di quelle disuguaglianze macroscopiche, era tutto un gran casino, un gran casino di merda. Aveva paura di ammalarsi: “Se mi ammalo, affondo, è la volta buona che affondo. Come lo pago l’affitto, se mi ammalo?”.
Si faceva troppe paranoie, gli rimproverava il suo amico Fili (quello del contratto a tempo indeterminato). E mai una volta che offrisse da bere. Erano amici, però ognuno si faceva la sua vita: felice, quella di Fili, infelice, la sua.
Dava troppa importanza al lavoro, ai soldi. Forse Fili aveva ragione, forse si stava perdendo dietro ai contratti, ai soldi che non bastano mai, alla rabbia che monta dentro da tanto tempo, dietro alla tristezza che gonfia gli occhi, e all’invidia. Per le vite degli altri.

Arianna

You Porn – Red tube

Spacciare sesso in rete è come spacciare marijuana gratis ad una festa reggae. Peggio, forse: è un meccanismo perverso dove il sesso pesca gli uomini come l’amo i pesci. Basta aspettare che prima o poi abboccano.

Appena incontri un sito “hot” il tuo IP viene analizzato e risalgono a dove ti connetti. Un programma in automatico allora fa comparire dei banner dove ti invitano a conoscere ragazze belle, calde e disponibili nella tua città.

Le possibilità sono tante. A lato si aprono almeno una decina di Webcam. Compaiono collegamenti ad altri siti, immagini, video. In 3 clik da google senza filtri o limitazioni uno riesce a far partire un film porno senza censure da far rizzare i capelli. In soli due click il monitor gli si riempie di immagini che ci metterebbe mezzo secolo solo a contarle. Questo è il mercato del sesso, sempre attivo, sempre pronto a pescare il prossimo pesce, affamato di sesso.

“Non masturbarti prima di aver visto questo video”
“Come scopare facilmente belle fighe”
Sono frasi ricorrenti, senza mezzi termini. Pubblicità spinta senza giri di parole, secca, netta. Talmente plateale da sembrare assurda. Tutti gli stratagemmi per vendere, per arrivare a fare “clienti” sono messi in atto a regola d’arte. Vero e proprio marketing del sesso. Diretto e sintetico.
Il target: uomini soli.
E oggi ce ne sono tanti.
Se continua così ce ne saranno sempre di più…
…e senza giri di parole o mezzi termini.

Giacomo

Breviario del dissacratore

L’elemosina è dare dei soldi a qualcuno che ne manifesta il bisogno. Nel canone, a fondo perduto. Io invece non voglio fare l’elemosina per farla, ma come investimento. Quando mi chiedi delle monetine le ramificazioni quantistiche dell’evento elemosina sono molteplici: ti ci comprerai del cibo? O una dose? Un libro? Li metterai nella cassa di famiglia? Io non lo so. La verità è che non ci possiamo divincolare dalla catena delle cause e degli effetti. La mia cosiddetta buona azione può avere una cattiva re-azione, il motore della sequenza – la mia moneta che cade nella mano questuante – può innescare un meccanismo che si allontana dalla originaria bontà dell’azione. Certo, la mia anima sarà più salva della tua, secondo i dettami della religione – che si rivela così fondata su una salvificazione del tutto egoistica, individualistica (e poi parlavano dell’etica protestante…), ma non garantirò la salvezza della tua, agendo così nel modo più lontano possibile dal buon cristiano. Così la carità è smascherata e dissacrata.

Gianmarco, Dissacro e Profano
Ateologo italiano

La Crisi in Casa

Ieri dopo cena avevo voglia di completare il pasto con qualcosa di dolce. Avete presente no? Quando alla fine del pasto siete soddisfatti, ma.. manca ancora qualcosa…Allora scendo in cucina e tosto due fette di pane, pronto a riempirle di marmellata agli agrumi… quando il padre della famiglia che mi ospita qua in Irlanda (pagati, s’intende) mi riprende dicendomi “guarda che siamo tenuti a darti solo colazione, pranzo e cena, niente extra”. Ammutolisco, non so se ridere o arrabbiarmi, rimango in una situazione di limbo: non è la prima volta che succede… qualche settimana fa avevo tostato 4 fette di pane per colazione invece delle solite 2 ed ero stato ripreso dalla madre “Ti spettano 2 fette, non di più, sennò non ce n’è per tutti”.  Perplesso, arrabbiato e confesso anche un po’ divertito, torno nella mia camera bunker e mi metto a ricostruire i pezzi del puzzle… L’Irlanda era fino a poco tempo fa uno dei paesi più ricchi d’Europa, nel periodo 1995-2007, veniva orgogliosamente chiamata “The Celtic Tiger” e con una popolazione di poco inferiore ai 5 milioni (escludendo l’Irlanda del Nord) il paese aveva saputo crescere rapidamente nel mercato europeo grazie ad una politica di libero mercato a 360°: privatizzazioni, prestiti facili, fiducia nella crescita, edilizia rampante, stipendi altissimi, tasse insignificanti per le imprese ed investimenti nel settore delle nuove tecnologie. Tutto ciò ha portato ad un’espansione del credito e ad una bolla immobiliare, insomma niente di nuovo rispetto a quello che si è già visto in USA o in Spagna…
Camminando per le periferie della città e anche nel mio quartiere si possono notare decide di scavi abbandonati, edifici incompiuti e attività commerciali mai aperte. Non c’è più fiducia, ora i soldi mancano, nessuno li presta più e fallimenti e licenziamenti si moltiplicano. Si sapeva? Si poteva evitare? Forse…dicono molti irlandesi… Durante la manifestazione per le strade di Dublino contro il governo a cui ho partecipato, un anziano signore mi dice che già nel Settembre 2008 il governo irlandese aveva annunciato un periodo di recessione (per la prima volta dopo gli anni 80)…”Si sapeva” mi ripete, “tutti lo sapevano!” Infatti in quel periodo, controllando le statistiche il tasso di disoccupazione iniziò a crescere e le richieste di assistenza sociale a salire. La cosa curiosa, per molti irlandesi intervistati nelle strade è che la crisi sia andata di pari passo con una serie di scandali bancari che hanno visto coinvolti i membri del partito Fianna Fail, attualmente al governo. Tutti oggi puntano il dito verso il Taoiseach (primo ministro) Brian Cowen, prima ministro delle finanze e poi premier… insomma il personaggio chiave della crisi irlandese e il maggior indiziato. Il 21 Novembre 2010 Brian Cowen ha chiesto un prestito di circa 100 miliardi all’Unione Europea, ottenendone (se non erro) circa 85… La gente è indignata e prevede che gli interessi su un debito così grande saranno destinati a sopprimere qualsiasi possibilità di crescita e annienteranno le possibilità di risparmio ed investimento, provocando una riduzione dei posti di lavoro, un aumento esponenziale delle tasse e una crescente disoccupazione giovanile.
Ma quali saranno i maggiori problemi della popolazione irlandese? Anche se il lavoro è diminuito drasticamente e il salario minimo è sceso a circa 8 euro l’ora, avere un lavoro in Irlanda è ancora più remunerativo rispetto alla maggior parte dei paesi dell’Europa continentale. L’umiliazione che i cittadini non riescono ad accettare è il rinuncio allo spreco al quale erano orgogliosamente abituati. Dieci anni di crescita smisurata e di stipendi alle stelle hanno “americanizzato” anche gli abitanti della verde isola, che viaggiano su comodi/dispendiosi/inutili SUV e cambiano casa e macchina ogni 5 anni, acquistano cibi surgelati che costano 5 euro a porzione e si ubriacano nei pub a suon di 5 euro per ogni pinta di birra. Pensate, in questi giorni la temperatura non è salita sopra lo 0, un freddo inaspettato e oggi il governo ha razionato l’acqua: acqua a largo consumo solo dalle 6 del mattino alle 6 di sera. A questo punto vi starete chiedendo qual è la relazione tra gli ultimi due fatti… Beh, per evitare che si gelassero le tubature, a titolo precauzionale, molte famiglie hanno lasciato i rubinetti aperti per quasi una settimana (giorno e notte)…anche in tempi di crisi è difficile rinunciare alle piccole comodità. Credo che sarà questo il vero problema per la società irlandese: la rinuncia al lusso, all’innecessario.
Torno così, in chiusura dell’articolo, alla famiglia che mi ospita. Ieri il televisore della cucina si è rotto (preciso quello della cucina perché in media ci sono 4-5 tv in una casa irlandese) … ed oggi è entrato un gigantesco schermo al plasma nuovo di zecca. Pare che il vizio di “investire” nelle nuove tecnologie non sia ancora sparito… si va cauti sul pane, ma si crede ancora nella tecnologia? Sarà un segno di ripresa?

Roberto