Come se, non saprei.

Come se, non saprei. Accadde di giorno
o di notte non ricordo, forse un flash
e guardando da una finestra un film
decidessi di entrarvi, cosi’, tanto tempo
fa che mi vien da piangere copioso.

Tanto tempo fa che non so, laggiu’,
laddove pero’ non ricordo, lassu’ forse,
in quei luoghi di stelle esistetti prima
del tempo, dove ci si sveglia prima di
venire al mondo che mi vien da piangere.

Come se, non saprei. Lo vivo su di me,
dentro come un sogno, quasi un ricordo
arcaico del mio viver questo vagabondare,
di me da grande prima di esser piccolo,
di vissuto, dove decisi tutto al principio.

Tanto tempo fa che non so, vasto spazio
e lacrime, nel buio della notte laddove
brilla e brillano e scorsi la mia vita prima
che accadde, dove la scelsi tra le tante,
perche’ non ricordo, ma fu là, al principio.

Giacomo