di stanza

Nel tracimare dell’ora

il sangue non rapprende,

la falena non si cheta,

sboccia il nasturzio

della nostra stagione inquieta.

Annunci